Cento piazze per il clima: un appello per difendere l’ambiente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:29

926d4bf844514fce6cd95ce880d3b601Si chiama “Cento piazze per il clima” la risposta italiana alla grande mobilitazione di Copenaghen che ha oggi coinvolto ambientalisti da tutto il mondo. Un’iniziativa rivolta ai cittadini e al governo per chiedere maggiore sensibilità nei comportamenti quotidiani e una più attenta partecipazione alla risoluzione politica dei grandi problemi ambientali.

L’iniziativa, promossa dalla coalizione “In Marcia per il Clima”, ha coinvolto tantissime piazza del BelPaese: da Roma a Milano, da Napoli a Firenze, da Venezia a Salerno. “Per curare la febbre del nostro Pianeta – hanno dichiarato i rappresentanti di “In Marcia per il Clima” – c’è una sola medicina: diminuire le emissioni inquinanti che ogni giorno alimentiamo nell’atmosfera”.

” Non c’è più tempo, bisogna agire ora. Tutti possiamo fare qualcosa, rivedendo i nostri stili di vita, ma sono i governi, che rappresentano l’interesse di tutti noi cittadini, che devono intervenire immediatamente. L’occasione giusta  per impegnarsi è ora, a Copenaghen, nel summit delle Nazioni Unite dove i capi di Stato di tutti i Paesi del mondo – hanno concluso gli ambientalisti di “casa nostra” –  sono riuniti per cercare un accordo su come arrestare i cambiamenti climatici”.

La coalizione verde ha lanciato un appello (sottoscrivibile su www.100piazze.it) che ha già raccolto 5 mila firme; tra i tanti, hanno aderito anche volti noti della tv e dello spettacolo come Fiorella Mannoia, Neri Marcorè, Maurizio Costanzo, Dario Vergassola. Molti altri artisti hanno invece sostenuto la causa ambientalista, garantendo la loro partecipazione agli eventi che si svolgeranno nelle 100 piazze per il clima.

Maria Saporito