Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Treni Alta Velocità: aumentano i prezzi dei biglietti

Treni Alta Velocità: aumentano i prezzi dei biglietti

72597_200405_medium

Da parte delle Ferrovie dello Stato è in arrivo un doppio regalo di Natale a tutti quegli italiani che utilizzano, magari già abitualmente per ragioni lavorative, i nuovi treni ad Alta Velocità. Il primo è che domani – domenica 13 dicembre – sarà completata lapertura dellintera rete Torino-Milano-Salerno, con le prime corse nella tratta Bologna-Firenze. Spostarsi tra le principali città del nostro paese sarà dunque sempre più facile e rapido: 2 ore e 45 per passare dalla capitale a Milano, 1 ora e 10 tra Roma e Napoli, unora esatta tra Torino e Milano, soli 37 minuti tra il capoluogo emiliano e quello toscano.

Ma veniamo al secondo regalo natalizio: adeguamento della rete uguale adeguamento – decisamente verso lalto – dei prezzi dei biglietti. Aumenti che coinvolgono tutte le tratte, anche quelle in cui non cambierà nulla nel servizio rispetto a quanto offerto fino ad oggi. Per esempio, un biglietto (a prezzo pieno) di 2° classe Roma-Milano passa da 75,10 a 89 euro, quasi il 20% in più, mentre laumento per un tagliando di 1° classe è solo del 5%. +32% anche per il viaggio da Bologna a Firenze, mentre sale di 4 euro anche il costo della tratta Milano-Bologna. Le associazioni di consumatori hanno calcolato un aumento medio del 17% nei prezzi di 2° classe e del 9,5% in prima.

I rincari coinvolgeranno anche i normali treni EuroStar Italia, non interessati dal progetto Alta Velocità e non coinvolti in adeguamenti del servizio. Inoltre per i convogli AV ed ES non esisterà più lo sconto del 5% in caso di acquisto online del biglietto. Come cercare quindi di risparmiare? Cercando di districarsi tra le varie possibili tariffe lanciate da Ferrovie dello Stato: ma tra sconti in caso di acquisto anticipato o di prenotazione congiunta andata/ritorno, carnet elettronici di 10 biglietti e varie offerte speciali apparentemente intricate, la confusione rischia di regnare sovrana e di arrivare sempre puntuale.

Daniele Ciprari