Calcio Catania: esodio amaro per Mihajlovic, sconfitta e ultimo posto in classifica

mascaraUna settimana non è certo sufficiente per invertire una rotta che fin dall’inizio del campionato pare irrimediabilmente diretta verso il basso, questo lo sa bene Sinisa Mihajlovic, ma ciò non rende meno amara la sconfitta della sua squadra al suo ritorno in panchina dopo quasi un anno e proprio davanti al pubblico di casa.

Quella con il Livorno era una sfida-salvezza, in cui portare a casa i tre punti era fondamentale, soprattutto perché l’avversario era abbordabile e si poteva giocare sul fattore casalingo.

Nel primo tempo i siciliani hanno mostrato una certa grinta, ma la buona volontà non è sufficiente da sola a sbarcare il lunario; i tre attaccanti Mascara, Morimoto e Martinez hanno avuto più di un’occasione, sprecando incredibilmente e come spesso accade nel calcio i troppi errori si pagano.

Dal canto suo il Livorno nella figura di Danilevicius Tomas, a tre minuti dal termine, sfruttando alcuni rimpalli fortunati, è riuscito a mettere a segno con un bel tiro a volo. La squadra di Serse Cosmi è riuscita così a portare a casa il massimo risultato con il minimo sforzo: un tiro, un gol e può prendere così un po’ di fiato, spingendo però il Catania sul fondo della classifica.

I tifosi rossazzurri hanno abbandonato lo stadio delusi per il tracollo della loro squadra.

Ci vorrà davvero una rivoluzione totale per invertire la situazione attuale; il campionato è ancora lungo, ma se il potenziale è quello mostrato fin’ora, il girone di ritorno potrebbe essere per i siciliani solo ulteriore fonte di umiliazione.

CATANIA (4-2-3-1): Andujar; Alvarez, Silvestre, Terlizzi, Capuano; Biagianti, Carboni (89 Spolli); Martinez, Mascara, Llama (62 Ledesma); Morimoto (58 Plasmati). A disp.: 30 Campagnolo, 14 Bellusci,3 Spolli, 13 Izco, 19 Ricchiuti. All. Mihajlovic.

LIVORNO (3-5-1-1): De Lucia; Perticone, Knezevic, Miglionico (71 Diniz); Raimondi, Pulzetti (75 Marchini), Bergvold, Filippini, Pieri; Candreva; Danilevicius. A disp.: 11 Benussi, 4 Rivas, 15 Cellerino, 18 Dionisi, 24 Mozart. All. Cosmi.

RETI: 87 Danilevicius

ARBITRO: Orsato di Schio (Liberti-Viazzi/Calvarese).

SQUALIFICATI: Lucarelli (2).

INDISPONIBILI: Barrientos, Sciacca, Delvecchio, Marchese, Pesce, Potenza; Tavano, Galante, Vitale.

DIFFIDATI: Andujar, Carboni, Delvecchio, Martinez, Spolli; Pulzetti.

AMMONITI: Mascara, Ledesma, Marchini.

ESPULSI: Mascara

RECUPERO: 1 e 5

ANGOLI: 8-6 per il Catania.

SPETTATORI: 13.000 circa.

Domenica Nolè