Caro Papi Natale: 101 domande al presidente reticente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

copertina-primaSi chiama “Caro Papi Natale”  ed è un istant book (libro concepito e compilato in tempi strettissimi) realizzato in occasione del No-B Day dello scorso 5 dicembre. Un libricino veloce e succoso che raccoglie 101 domande (che fanno il verso alle famose 10 domande formulate per lungo tempo da La Repubblica) indirizzate al Reticente del Consiglio, alias, il presidente Silvio Berlusconi.

Il libretto, già acquistabile on line, uscirà nelle librerie il prossimo 16 dicembre per l’editore & MyBook. L’iniziativa parte dal blog Rassegna Stanca (www.lerane.wordpress.com) e, come accennato, intende riunire in un’unica soluzione le tante domande che il popolo di Internet (ma non solo) vorrebbe rivolgere al presidente del Consiglio. Chiarimenti sul suo esordio imprenditoriale e sulle sue manovre politiche; ed esplicite allusioni al “vetriolo” sulle sue intemperanze pubbliche atte a screditare tutti coloro che dimostrano di non allinearsi o di non sposare con slancio il suo pensiero.

Un testo scritto a 5 mila mani che si muove tra la provocazione e l’ironia, infarcendosi dei tanti riferimenti (anche cronachistici) che hanno segnato la più recente storia del nostro Paese. E giù dunque con Noemi e con le ragazze di palazzo Grazioli, senza dimenticare Mediaset e le temute toghe rosse, passando per Mills e  Dell’Utri per approdare infine sul piano più tecnico e spinoso del mancato lodo Alfano e dello scudo fiscale.

Una rassegna ricca e irriverente che culmina nel “domandone” finale, la più spietata e ingenua: “Scusi, signor presidente del Consiglio, quand’è che ci restituisce l’Italia?”.

Il testo ha un prezzo simbolico di copertina di 4 euro, perchè – come dice La rana, animatore del blog Rassegna Stanca – : “Nessuno si arricchisce economicamente, mentre l’arricchimento umano è assicurato”.

Maria Saporito