Home Spettacolo Gossip GF10, vergognosa lite tv tra il trans Gabriele e la madre: “Spacciava...

GF10, vergognosa lite tv tra il trans Gabriele e la madre: “Spacciava droga”

domenicacinque_gabrielebelli_mamma

Non ha mai nascosto la sua sofferenza, un dolore disumano per essere nata donna, un corpo e un’identità che mai ha sentito sue. Poi la luce, la rinascita attraverso il percorso per diventare uomo: Gabriele Belli, ex concorrente della 10° edizione del Grande Fratello si è sempre descritto così.
Questa domenica, la conduttrice di “Domenica 5”, Barbara D’Urso, ha voluto dare spazio alle madre del trans, che ha continuato per tutto il tempo a riferirsi al figlio chiamandolo ancora con il nome di nascita, ovvero Elettra, dimostrando così di aver rifiutato l’identità del figlio.

La donna vuole mettere chiarezza, parla della violenza psicologica della nonna del transessuale, che Gabriele stesso ha raccontato ai ragazzi fra le mura della casa di Cinecittà, sarebbero stata la goccia che ha fatto traboccare un vaso che è stato silenzioso per troppo tempo, e che oggi ha deciso di far sentire la propria voce.
Chi è dunque davvero Gabriele?
Per l’esigenza di difendersi, l’ex concorrente ha fatto capolino in studio, incontrando così la madre e la sorella dopo tre anni di lontananza, quando ancora era donna.

“Elettra era una ragazza omosessuale, che aveva amicizie particolari, brutte. A causa di una sua compagna si è trovata anche a vendere droga”, dice la signora.
Droga e violenza domestica nel passato di Gabriele, lui che da vittima passa ad essere carnefice, capace di rompere un braccio all’anziana, di mettere una sorella nel forno.

“Quelle di mia nonna erano morbosità fisiche, che ho scoperto essere altro soltanto due anni fa, grazie ad un analista. E tu dov’eri? Dov’eri mentre lei mi toccava, mentre mi picchiava? Io sono disumano, perchè non so ridere, non so giocare, non so fare cose che per gli altri sono normali. Sono andato per la prima volta in piscina due anni fa. Ricordo bene quando mia madre voleva insegnarmi a nuotare: mi ha tenuto con la testa sott’acqua, per vedere quanto mi reggevano i polmoni”,replica poi Gabriele una volta entrato nello studio.
E parlando di droga dice: “Mi ha anche mandato i carabinieri a casa. Sapete come è finita? Che uno di loro mi ha detto ’sposami e scappa da questa casa di pazzi‘”.
Per quanto riguarda la nonna, è morta carbonizzata, e il suo corpo venne trovato per merito di “Chi l’ha visto”, ma le circostanze restano davvero poco chiare. Chiaramente alla fine vi sono due diverse versioni, toni pesanti e accuse terribili. Una famiglia rovinata, che vive nella menzogna e nelle bugie, ma da uno dei due lati deve per forza esserci la verità.

Alessandra Battistini

Comments are closed.