Home Cultura “I Quattordici mesi” di Enzo Biagi

“I Quattordici mesi” di Enzo Biagi

Iquattordicimesi

La voce del noto giornalista e scrittore Enzo Biagi, ormai scomparso da circa due anni, torna a farsi sentire nella scena letteraria con “I Quattordici mesi – La mia esperienza” (Rizzoli, 2009), un libro che rappresenta il punto d’arrivo di un grande progetto avviato nel momento in cui l’autore stesso decide di raggiungere un gruppo di partigiani sparsi sui monti, per divenire il cronista ufficiale di un’esperienza, capace di stravolgergli completamente la vita.

Da principio Biagi avrebbe dovuto raccontare la protesta partigiana attraverso le pagine di “Patrioti”, un giornale ribelle, censurato dai nazisti dopo l’uscita di appena tre numeri. Le testimonianze raccolte durante quelle interminabili settimane, oggi vengono rese pubbliche grazie all’intervento dello storico Loris Mazzetti, il cui supporto ha permesso la realizzazione di un volume, contenente tutte le informazioni che Biagi è riuscito a pervenire, durante il periodo trascorso insieme ai giovani esponenti di Giustizia e Lbertà.

Un libro appassionante, veritiero e al contempo struggente, un libro dettato dalla grande sensibilità di uno dei maggiori giornalisti, che hanno vissuto in prima persona le tragiche vicende delle guerre novecentesche.

Alice Sommacal