Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Sciopero Amia: a Palermo è caos rifiuti

Sciopero Amia: a Palermo è caos rifiuti

9269_emergenza-rifiuti

La situazione dei rifiuti nella città di Palermo rischia di assumere presto i caratteri dell’emergenza. Questa mattina un nutrito gruppo di dipendenti dell’Amia (l’ex municipalizzata che si occupa della raccolta della spazzatura) è sceso in piazza per sollecitare la ricapitalizzazione dell’azienda che, con il suo debito di circa 180 milioni di euro, è a rischio fallimento.

La mobilitazione, sostenuta da Cisl, Uil e altre sigle sindacali autonome (hanno deciso di non aderire invece Cgil e Ugl) ha interessato la fascia oraria che va dalle 4 del mattino fino alle 12 e creato non pochi disagi alla città, soprattutto sul fronte del traffico.

“Adesso – ha detto il segretario generale della Cisl di Palermo, Mimmo Milazzo – ci appelliamo al senso di responsabilità dei gruppi consiliari e di tutte le forze politiche del Consiglio comunale affinchè il bene dell’Amia venga anteposto agli interessi di partito. La ricapitalizzazione dell’azienda che assicura l’igiene ambientale a Palermo – ha continuato il sindacalista – è un primo passo verso il riordino delle società partecipate del Comune di Palermo per le quali auspichiamo che a gennaio venga aperto un tavolo di confronto“.

“I tempi sono strettissimi – ha precisato ancora Milazzo – il 20 gennaio ci sarà un’udienza al tribunale fallimentare e quel giorno l’Amia potrebbe cessare d’esistere”.

Maria Saporito