Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Berlusconi: un testimone, Tartaglia non era solo

Berlusconi: un testimone, Tartaglia non era solo

12683_NewsPGMPHov

Sul portale online di Adnkronos è stato pubblicato, intorno alle 16, un video in cui un testimone dellaggressione di domenica al Premier motiva al cronista la sua convinzione che Massimo Tartaglia non fosse solo al momento del gesto.

Poco prima che laggressore scaraventasse contro il presidente la statuetta – ha detto – ho visto che cè stato dietro… come se lui si stesse dimenando per prendere qualcosa da qualcuno che ovviamente non ho visto. Mi è sembrato di vedere proprio questo gesto che lui stesse prendendo qualcosa e questo lho visto perchè avevo degli amici che erano lì alla sbarra e mi stavo preoccupando che potessero salutare il presidente del Consiglio.
E poi mi è sembrato di vedere un nylon come se questa cosa fosse avvolta in un nylon. Quando poi è stato catturato dalla polizia e dal servizio dordine, la cosa che mi ha fatto tornare in mente quello che avevo visto poco prima è stato il fatto che lui ha detto, appena catturato: sono solo, sono solo, non cè nessuno dietro di me.

Una dichiarazione che, perlomeno nellultima parte, si discosta dalla versione ufficiale delle guardie di sicurezza che, domenica, avevano riferito che le prime parole pronunciate da Tartaglia al momento dellarresto sarebbero state non sono io, io non sono nessuno.

Andrea Di Sorte, il testimone in questione, non è ancora stato ascoltato degli inquirenti ma, dopo la diffusione del video, dovrebbe essere convocato in Questura questa sera.
Di Sorte è coordinatore dei club della Libertà di Milano.
Senza dubbio una simile ipotesi, tutta da verificare dato che gli stessi inquirenti hanno parlato di gesto isolato, permette al Governo e alle destre di rinforzare la campagna di repressione, già annunciata contro siti web e manifestazioni di piazza, e di diffamazione che ha bollato come terroristi le centinaia di persone che domenica hanno pacificamente contestato Silvio Berlusconi durante il suo intervento.
A proposito di tale contestazione, in merito alla quale la Digos sta accertando se procedere per manifestazione non autorizzata, alcuni testimoni hanno raccontato di aver assistito allaggressione fisica di alcuni militanti di Azione Giovani (erede del fascista Fronte della Gioventù) contro i manifestanti che, evidentemente sostenuti dal forte numero, coprivano con i loro slogan le parole del premier.

Mattia Nesti