Home Sport Calcio Fiorentina, Della Valle prende le distanze da Calciopoli

Calcio Fiorentina, Della Valle prende le distanze da Calciopoli

dellavalle2

Ultimamente la vicenda Calciopoli è tornata a calcare le aule dei tribunali e ieri sera su La7 è andato in onda un documentario che illustrava il sistema di potere, capeggiato da Moggi, che si era creato attorno al calcio italiano manipolandolo. Sull’argomento si è espresso il Presidente della Fiorentina Della Valle che ha commentato i spezzoni di film che tiravano in ballo la sua squadra.

In particolare si parla del campionato 2004/05 e gli episodi incriminati riguardano le partite: Chievo-Fiorentina finita 1-2, Lazio-Fiorentina 1-1 e Lecce-Parma 3-3. Partite in cui gli arbitri ebbero, secondo l’accusa, effettuato decisioni e arbitraggi illeciti per favorire la squadra viola. E poi si parla anche di Moggi e un suo adepto, Innocenzo Mazzini, che volevano frenare l’ascesa nel mondo del calcio dei fratelli Della Valle. Quando la dirigenza viola capì come comportarsi, la “cupola” fece in modo di farla risalire in classifica.

Ecco le considerazioni di Diego Della Valle sulla vicenda: “Il video che avete trasmesso è di un incontro con Bergamo dove ci sono almeno cento persone e non c’è un’intercettazione. In ogni nostra frase non ci sono richieste, alcun sottindendimento, c’è Mazzini che quando ci ha visti massacrati ha detto che era una vergogna e si è preso l’impegno di tutelarci. Secondo voi mi faccio prendere per le orecchie da uno come Mazzini?”. Il patron viola ha espresso la voglia da parte della sua squadra di vincere con serietà ed onestà. “Siamo una società seria, tutto ciò che c’è nel processo di Calciopoli non può chiamarci complici in alcuna maniera“.

Giuseppe Greco