Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Londra: due ragazzini stuprano una bambina, dovranno comparire in aula

Londra: due ragazzini stuprano una bambina, dovranno comparire in aula

bimba

Ha dello sconcertante quello che le forze dell’ordine britanniche hanno rivelato ai mass-media: due ragazzini di appena dieci anni avrebbero stuprato una bambina di otto anni e dovranno presentarsi davanti all’autorità giudiziaria per rispondere del reato di violenza sessuale. Una notizia che forse non ha precedenti e che lo scorso mese ha sconvolto l’opinione pubblica, non solo quella del Regno Unito, bensì mondiale, che ha commentato non poco il deplorevole episodio, che avrebbe avuto luogo nel parco di Hayes, a Londra, il 27 ottobre.

La novità della vicenda, che ha destato non poco scalpore, è il fatto che nei prossimi giorni i due presunti “baby stupratori” dovranno presentarsi in aula per rispondere delle accuse contestate loro dagli inquirenti, a seguito delle dichiarazioni rese dalla piccola vittima, che allora permisero alla polizia di ammanettare i ragazzini. Dopo l’arresto, poi, il duo venne interrogato e rilasciato, perché i genitori pagarono la cauzione, per cui al momento è a piede libero. La loro identità, però, non è mai stata resa nota, perché sono minorenni, come d’altronde anche la loro vittima.

Parlando della scabrosa storia, così come l’ha raccontata la bambina, i fatti si sarebbero svolti in questo modo: la piccola stava giocando nel parco, quando sarebbe stata avvicinata dai due, che l’avrebbero portata in un luogo più appartato, poi, dopo essersi celati tra i cespugli, avrebbero consumato la violenza.

Quale sarà l’epilogo di questa vicenda non è possibile saperlo, perché il futuro non può essere previsto, per cui non resta che meditare su quello che narrano il presente ed il passato di questa storia, i quali raccontano di due presunti “baby delinquenti” che avrebbero stuprato una bambina, avendo a soli dieci anni la malizia di appartarsi prima e poi di entrare in azione, mettendo in atto il loro intento. Questo, però, è solo quello che racconta il passato, perché il presente narra il fatto che sono liberi, anche se perseguibili penalmente, poiché è stata pagata una cauzione.

Dorian Ulisse