Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Sale la tensione alla Fiat di Pomigliano

Sale la tensione alla Fiat di Pomigliano

operai-fiat-pomigliano

Proseguono le manifestazioni di protesta alla Fiat di Pomigliano.

Stamattina i lavoratori hanno picchettato l’ingresso della fabbrica e poi raggiunto il gruppo di operai rimasti a dormire nell’aula consiliare del Comune.

Molti dei contratti a termine, circa un centinaio, in scadenza tra dicembre e marzo, non saranno rinnovati e per denunciare la sempre più complicata situazione alcune tute blu sono salite sul tetto di un capannone.

I cancelli dello stabilimento si erano riaperti lunedì, ma si è trattata solo di una breve tregua: gli addetti  al modello Alfa 147, rientrati in fabbrica ieri, torneranno in cig straordinaria venerdì.

Stasera la situazione verrà per l’ennesima volta discussa in un tavolo permanente di crisi convocato dal sindaco Antonio Della Ratta, al quale partecipano anche rappresentanti della Regione Campania, della Provincia di Napoli, della Chiesa ed i sindacati.

I lavoratori ascrivono la persistenza del rischio del loro posto di lavoro al piano Marchionne, prima appoggiato dai sindacati confederati e poi dagli stessi fortemente osteggiato.

Gli stessi sindacati che parteciperanno anche alla manifestazione indetta il prossimo 22 dicembre.

Il segretario generale Uilm Campania, Giovanni Sgambati, pur criticando i vertici Fiat, ha invitato gli operai a non cedere alla tentazione di gesti eclatanti.

Stefano Crupi