Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Beppe Grillo scende in campo in Emilia Romagna

Beppe Grillo scende in campo in Emilia Romagna

beppe_grilloDopo aver aperto sabato scorso presso la Galleria Umberto I di Napoli la raccolta firme per presentare alle prossime elezioni regionali la lista del “Movimento 5 Stelle“, Beppe Grillo ha presenziato questa mattina alla presentazione della lista del medesimo movimento politico (o antipolitico che dir si voglia) a Bologna, in vista del rinnovo del consiglio regionale a marzo.

L’incontro con i giornalisti si è tenuto questa mattina, a piazza Nettuno, e il comico genovese ha così potuto lanciare personalmente l’avventura politica della “lista civica regionale Emilia Romagna a cinque stelle – beppegrillo.it” che vede come candidato presidente Giovanni Favia, già leader del meetup bolognese, lo spazio virtuale da cui sono nati i gruppi dei “seguaci” di Grillo.

Il programma della lista rispecchia le indicazioni di Grillo, che ha chiesto al movimento di candidarsi in tutte le regioni, e si basa su alcune proposte riguardanti in particolar modo l’accesso a internet, l’insegnamento della lingua inglese, provvedimenti (spesso facilmente demagogici) contro la burocrazia statale e le energie rinnovabili. Vago, se non assente, un credibile progetto economico-sociale fondamentale in questo tempo di crisi per l’economia statale e per milioni di lavoratori.

Un aspetto, quest’ultimo, che ha contribuito a far perdere consenso al comico genovese anche negli ambienti dell’antiberlusconismo più generico e radicale, tant’è che nelle ultime settimane coloro che hanno tentato, anche tramite Facebook, di convogliare il “popolo viola“, organizzatore insieme alla Federazione della Sinistra e Di Pietro del No Berlusconi Day, all’interno del Movimento 5 Stelle hanno fallito miseramente.

Nel frattempo la lista grillina non ha fatto in tempo a partire che già ha cominciato a perdere pezzi.
Stando a quanto riportato da AffariItaliani, Italia dei Diritti, associazione-partito con sede a Parma che inizialmente era confluita nel Movimento 5 Stelle, ha abbandonato il comico genovese e i meetup emiliano-romagnoli, accusando Grillo di voler “imporre dall’alto il nome del candidato” per le elezioni regionali, “senza coinvolgere minimamente le parti in causa”.
Così Gaetano Vilnò, già esponente della lista civica Grillo di Parma, ha così abbandonato i meetup per aderire all’Italia dei Diritti, “dopo – ha spiegato il leader Antonello De Piero – essere stato addirittura diffidato dall’utilizzare il simbolo Cinque Stelle dagli avvocati del comico genovese“.

E così anche Grillo ha perso la verginità politica che, stando alle tante parole inutilmente dette, lo poneva al di sopra dei problemi che affrontano tutti i “comuni” politici. Le vuote parole, d’altronde, sono più utili per far ridere che per fare Politica.

Mattia Nesti

Comments are closed.