Home Sport calcio,David Beckham e London Donovan nuovamente in Europa

calcio,David Beckham e London Donovan nuovamente in Europa

david-beckhamDavid Beckham e London Donovan tornano in Europa,le due stelle dei Los Angeles Galaxy,chiusa la stagione in MLS sono pronti a far ritorno nel vecchio continente. Per l’inglese la destinazione sarà la stessa dello scorso campionato ossia : Milano sponda rossonera,mentre per lo statunitense Donovan la destinazione sarà nientemeno che la patria del suo compagno di squadra ossia: l’Inghilterra con destinazione Liverpool sponda Everton. Chiaro è limpido è stato il biondo inglese,che a mezzo stampa ha fatto chiaramente capire  che in Italia e soprattutto al Mila è tornato per vincere lo scudetto e far bene anche in Europa,dato che la sua stagione statunitense è finita con l’amaro in bocca,visto che il Galaxy hanno perso lo scudetto ai calci di rigore. Ma soprattutto il suo ritorno in maglia rossonera,sarà fondamentale ai fini per la convocazione ai mondiali che si svolgeranno tra giungo e luglio in sud-africa,con cui chiudere la sua carriera in Nazionale. Dopo di ciò molto probabilmente lo spiceboy,potrà dedicarsi al proseguimento della sua carriera statunitense,che prevede anche la creazione di una società insieme all’amico Tom Cruise,tutto questo però non prima di luglio,nel mezzo una sfida che regalerà a David tantissime emozioni,ossia:affrontare il suo passato con l’attuale presente,e vale a dire l’incrocio che i diavoli rossoneri dovranno avere con quelli di Manchester. Dunque David tornerà a calcare l’erba dell’Old Trafford ,che i tacchetti dei suoi scarpini non calcavano dal 2003,anno del suo passaggio al Real Madrid. Una carriera lunga ed importante quella di Beckham che comincia nella giovanili del Brimsdown Rovers,ma le sue qualità non passano in osservate,anzi attraggono l’attenzione di molti club i inglesi,ma a spuntarla è il Manchester United che dal 1991 mette sotto contratto il giovane David,il quale milità nelle giovanili del club fino 1993 vincendo FA Youth Cup nel 1992, realizzando anche una rete, nella finale di ritorno contro il Crystal Palace. I primi due anni in prima squadra sono avari d’emozioni per il giovane Beckham,che gioca poco: solo 4 presenze e 0 reti,ma in compenso  impara tanto dai tanti campioni presenti in rosa,cosi nel 1995 passa per pochi mesi in presti al Preston,dove il giovane centrocampista mette in mostra le sue doti e ciò che ha imparato,giocando 5 gare e realizzando 2 marcature. Cosi torna nuovamente al Manchester con cui gioca fino al 2003,totalizzando ben 261 presenze  con 62 reti,fornendo moltissimi assist per i suoi compagni,tutto ciò gli vale la conquista di 6 campionati inglesi,2 coppe d’Inghilterra, 2 Community Shield, una Champions League vinta negli ultimi minuti di gara nel 1998/99,una Coppa Intercontinentale,e ben 4 premi singoli,miglior giovane  PFA nella stagione96/97,miglior giocatore Uefa per ben 2 volte, e nel 1999 viene eletto miglior centrocampista  e giocatore dell’anno. Ma dal 2002 tra DavidBeckham clublui ed il suo allenatore Ferguson la magia si spezza,ed i frequenti litigi tra i due culminano il 13 febbraio 2003,quando al termine di un match di FA Cup che vide il Manchester sconfitto dall’Arsenal, Ferguson colpisce uno scarpino che prende in pieno volto David,provocandogli  una ferita sull’arcata sopraccigliare. Cosi finito il campionato, Beckham decide di approdare al Real Madrid dopo 12 anni di Manchester con cui totalizzò la bellezza di 394 gare giocate, ed 85 reti. In terra spagnola  David si trasferisce al Real Madrid per sei milioni di euro per 4 anni,versando nelle casse del club inglese ben 35 milioni di euro,con il Real gioca 116 gare realizzando sole 13 reti,vincendo uno scudetto ed una supercoppa di Spagna. Cosi dal 2007 approda alla corte Hollywoodiana dei Los Angeles Galaxy,complice la sua amicizia con l’attore e produttore cinematografico e soprattutto superstar di Hollywood, Tom Cruise,e la vita mondana della moglie in cerca di un rilancio nel mondo della musica e dello spettacolo,percependo un compenso di 5,5 milioni di dollari annui. Nella prima stagione statunitense ossia 2007/08,con il club hollywoodiano gioca 30 gare realizzando sole 5 reti,nel gennaio del 2009 però grazie alla formula del prestito approda in Italia al Milan,complice la sua voglia di tornare in Nazionale per giocare gli ultimi mondiali della sua carriera ossia quelli del 2010,e per far ciò necessario è il suo ritorno al calcio europeo,scegliendo neanche a farlo apposta  l’ex club del CT Fabio Capello,in rossonero gioca 18 gare realizzando due marcature. Chiusa la prima parentesi italiana torna nuovamente in California per disputare il segmento finale della stagione in MLS che si rivela essere fortunata per David ma al tempo stesso stregata. Infatti con i Galaxy gioca 15 gare realizzando soli due centri,ma in compenso raggiunge la finale playoff valida per lo scudetto, disputata il 22 novembre. David disputa la gara subendo prima del match tre infiltrazioni alla caviglia,ma nonostante questo riesce con i suoi compagni ad arrivare ai calci di rigore,calciando il primo tiro dal dischetto con relativa marcatura,ma non basta perché il club hollywoodiano cade sotto i colpi del Real Salt Lake city,che si aggiudica lo scudetto della MLS. Chiusa la stagione a stelle e strisce fa nuovamente ritorno in Europa per dare la caccia alla convocazione per i mondiali,ma come nel gennaio scorso in Europa, David non è giunto da solo,perché da Los Angeles ha fatto nuovamente ritorno anche la stella del calcio hollywoodiano ossia London Donovan capitano dei Galaxy e della Nazionale USA,che nel giugno scorso ha guidato fino alla finale di Confederetions Cup,sfiorando anche il colpaccio di vincerla. London come David, ha un curriculum di tutto rispetto,comincia la sua nella IMG soccer Academy (stessa dalla quale proviene il francese Gabriel Bagot in forza al Lucera calcio nel campionato di eccellenza pugliese,e nelle cui fila allena Ferdinando de Matthaeis,ex giocatore MLS ed ex allenatore del Lucera calcio), le sue qualità lo portano a vestire la maglia della Nazionale under 17 per i mondiali di categoria,dove viene notato dal Bayern Leverkusen. Con il club tedesco gioca prima nella primavera nel campionato 99/00,poi dal 200 al 2001 approda in prima squadra,ma le prestazioni non convincono i suoi allenatori che permettono alla dirigenza del Leverkusen,di mandarlo in prestito dal 2002 al 2004 al San Jose Donovan ClubEarthquakes in MLS,con cui disputa ben 87 gare realizzando 32 reti e vincendo ben due MLS CUP. Dal 2005 approda ai Los Angels Galaxy,con cui ha totalizzato 121 presenze condite da ben 64 reti,che hanno contribuito a conquistare una MLS Cup,una US Open Cup, ed il titolo MLS Western Conference Champions,vincendo svariati titoli personali,infatti per ben 5 volte la scarpa d’oro statunitense,per ben due volte è stato eletto miglior giocatore dell’anno,miglior assistman di tutti i tempi,conquistando per due volte l’importantissimo titolo di miglio atleta dell’anno,e gol dell’anno. Una bacheca ricca anche con la nazionale,infatti London ha totalizzato ben 41 presenze e 35 reti con la Nazionale Under 17,15 presenze e 9 reti con la Nazionale Under 23,120 presenze e42 reti con la Nazionale maggiore di cui è il capitano, vincendo per ben 3 la Gold Cup (equivalente dei nostri europei) ed arrivando secondo all’ultima Confederetions Cup. London per i prossimi tre mesi militerà nelle fila del club inglese Everton,seconda formazione di Liverpool  con cui resterà fino alla metà di marzo,soddisfatto il tecnico David Moyes che ha dichiarato  “ London è un buon finalizzatore ed è capitano degli Usa, quindi ha grande esperienza. È il primo dei due -tre giocatori che voglio portare in squadra a gennaio. In generale, gli americani quando vengono a giocare qui tendono a fare bene. È stato votato miglior giocatore nell’ultima Major League Soccer, quindi penso che le sue qualità ci possano essere utili. Ho bisogno di giocatori che siano subito pronti a scendere in campo e non abbiano bisogno di un paio di mesi per ambientarsi”. Soddisfatto anche Donovan che ai media ha dichiarato “Ho parlato con Tim Howard dell’Everton e da lui e da altri ho sentito solo cose buone sul club. L’Everton è stato incredibilmente professionale e ha espresso il suo interesse e sento che lì mi troverò benissimo”. Però  London al contrario di David rientrerà in patria alla metà di marzo,dato che con il club hollywoodiano ha firmato un contratto per altri 4 anni,e soprattutto si preparerà per i mondiali,infatti sia Inghilterra che USA fanno parte dello stesso girone ed in tanti negli Stati Uniti,come in Inghilterra non aspettano altro che l’incrocio Beckham – Donovan,che senza ombra di dubbio regalerà grandi emozioni.

Davide Piteo