Home Spettacolo Grande Fratello 10: Massimo e Veronica, fine della storia tra gli insulti

Grande Fratello 10: Massimo e Veronica, fine della storia tra gli insulti

massimo_2Dveronica-300x245Un amore forse impossibile terminato ancora prima di iniziare davvero. Così si potrebbe riassumere la tormentata storia tra Veronica Ciardi e Massimo Scattarella, due tra gli inquilini più chiacchierati di tutta la casa del Grande Fratello in questa decima edizione. Il tira e molla tra la cubista romana e il body builder pugliese ha tenuto banco per settimane, tra baci, gelosie, litigi e ricongiungimenti; ma stavolta sembra arrivato il punto di non ritorno.

La svolta era già iniziata durante i giorni di permanenza forzata di Massimo all\’interno del tugurio. Giorni nei quali Veronica ha scoperto una piacevole libertà, diventando più serena, sorridente e scherzosa con tutti, ma soprattutto avvicinandosi ancor più a Mauro. Al momento del rientro di Pit nella casa, la bomba a orologeria è esplosa: la bella 25enne ha capito di non potersi e volersi legare troppo seriamente a lui.

La reazione di Massimo non sembra essere stata delle più composte! A mettere la definitiva parola fine sui loro rapporti – in realtà mai troppo chiariti – sono arrivate le parole pesanti del barese, che così si è rivolto a Veronica: Basta, così non si può andare avanti. Io vado per la mia strada, tu per la tua. Vaffa….. Fai pietà, sei zero, sei una poverina. Pit è scatenato e si lascia andare ad altre affermazioni decisamente piccate: Mamma mia che schifo… Ti devono mettere su Business, forse lì qualcuno ti riesce a comprare a metà prezzo.

E Veronica? Si è limitata a liquidare il tutto con una lapidaria frase: A me non piace uno così. Fine della storia, quindi, se di vera e propria storia si è mai potuto parlare. La romana sembra fermamente intenzionata a godersi la permanenza nella casa di Cinecittà, libera dalla possessività e dalle gelosie di Massimo, iniziando con l\’allargare la cerchia delle amicizie e ricostruendo rapporti che sembravano da tempo accantonati, in primis quello col giovane torinese Marco.

Daniele Ciprari