Home Cultura

Con un poco di zucchero la pillola va giù…

CONDIVIDI

Stelle di natale, cene, pranzi e cinepanettoni. Anche quest\’anno il natalebabbo si prospetta come la migliore delle tradizioni. Ma a che prezzo? Lunghe file dell\’ultimo momento per i ritardatari, sfuriate di moglie deluse sotto l\’albero,  corse all\’ ultimo regalo riciclato per ospiti inattesi. O  c\’è anche chi per risparmiare un po\’ le compere le ha fatte il mese scorso…perchè si sa che in fretta e in furia, a natale tutto costa di più. 

 Via libera dunque alla fantasia per rimediare o entusiasmare amici e parenti, perchè almeno le idee non risentono del rincaro dei prezzi: dai mercatini natalizi che affollano le città, con l\’artigianato o non ai fantasiosi svaghi che delle antiche usanze sanno ben poco: sorseggiare champagne nelle acque termali, festeggiare la mezzanotte sotto cieli stellati, con fiaccolate o con riti di buon augurio, notti romantiche nello chalet sull\’ albero. E se per festeggiare con i nostri amici saremo stufi dei soliti cenoni perchè non proporgli una cena  con delitto piuttosto che la classica scorpacciata con tombola? Le  iniziative territoriali spronano ad uscire da casa: per risollevare le sorti del  settore turistico la fantasia di albergatori e tour operator non sono da meno. Se il volo low cost è impensabile durante le feste, non sarà insolito pagare i famosi 99 centesimi tutto incluso, per una notte nelle splendite città d\’arte, come Perugia. E\’ lo stesso,  amministratore delegato di due alberghi a tema di Perugia,Valeria Guarducci, a dichiarare gli intenti: dare maggiore visibilità alle nostre località turistiche attraverso politiche di promozione e strategie di comunicazione che destano curiosità, sarà una svolta vincente anche per il comparto turistico nella sua interezza: il prodotto italiano è meraviglioso, va solo comunicato meglio, con maggiore originalità e perseveranza, talvolta neanche con fondi eccessivamente importanti, basta un po\’ di fantasia, che in Italia è un bene prezioso, diffuso e a costo contenuto: basti pensare ai tanti giovani che si potrebbero coinvolgere in campagne promozionali dei territori italiani. Combattere il carovita, non ha prezzo. Bisogna solo trovare come.

Ilaria Salzano