Natale polare in tutta Europa: il gelo paralizza anche l’Italia e sulle strade parte il “Piano Neve” dell’Anas

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39

neve altaTemperature polari in tutta Europa: il maltempo imperversa causando disagi a migliaia di viaggiatori e stringendo nella morsa del gelo le principali città. In Baviera, nella Germania meridionale, e’ stata raggiunta la temperatura record di -33,6 gradi.

Dopo le intense nevicate di sabato, ieri è stata una domenica ‘artica’ anche su gran parte della nostra penisola. A Piana di Marcesina, nel vicentino, la minima ha toccato i -29 gradi. Non va meglio nelle località montane del Veneto: ad Asiago -22, a Sappada e Arabba -18, a Cortina -16. Notte ghiacciata anche in Emilia Romagna: a Mezzolara, nella pianura bolognese, il termometro ha segnato i -16 gradi, a Bologna, invece, ‘solo’ -6 . In Piemonte la temperatura è di -17 gradi in pianura e, scendendo verso la Toscana, arriva a -20 nel Mugello (Firenze). In Umbria termometri a -14 a Città di Castello (Perugia), mentre sul massiccio del Gran Sasso si sono toccati i 25 gradi sotto lo zero.

Ancora gelo e neve, quindi, su gran parte dell’Italia, ma senza particolari problemi grazie all’applicazione del Piano Neve promosso dall’Anas: circa 1.500 uomini e 900 mezzi sono impegnati per garantire la percorribilità delle strade. Il picco delle nevicate e gelate nel Veneto e in Emilia. Rallentamenti per nebbia in Lombardia e in Toscana, in Abruzzo per nevischio. Gelo in Sicilia e Sardegna con rallentamenti per ghiaccio. Nevicate anche in Calabria e in Basilicata.

L’ondata di gelo persisterà anche nelle prossime ore. A partire da oggi, rileva la Protezione civile, una nuova perturbazione – alimentata dal contrasto termico tra i flussi di correnti provenienti dall’Atlantico -interesserà la penisola: sin dal primo pomeriggio si prevede infatti un peggioramento delle condizioni meteo con precipitazioni nevose che interesseranno progressivamente il Piemonte, la Liguria, Lombardia, l’Emilia Romagna, l’alta Toscana e l’Abruzzo. Dalla serata, il fenomeno si intensificherà soprattutto in Lombardia.

Intanto le Ferrovie dello Stato hanno registrato forti difficoltà nel nord est: solo in Friuli Venezia Giulia questa mattina sono stati soppressi 22 treni su 59, altri viaggiano con ritardi tra una e due ore. Grandi disagi anche verso il capoluogo lombardo: quasi cinque ore di ritardo per l’Intercity da Bari, quattro ore l’Intercity da Crotone e quattro ore e mezzo per l’espresso da Lecce.

In Emilia Romagna la A14 è stata chiusa per un’ora all’altezza di Bologna in direzione Ancona per un maxitamponamento tra cinque mezzi pesanti. Disagi alla circolazione per il ghiaccio anche nel pisano e in provincia di Lucca: è ancora inagibile la superstrada Firenze-Pisa-Livorno tra Pontedera est e Montopoli Valdarno, nel pisano, ma possibili trattati ghiacciati sono segnalati lungo tutto il percorso . Sempre nel pisano problemi alla circolazione anche lungo la statale 67 Tosco-Romagnola, strada alternativa alla Fi-Pi-Li. Contraccolpi ancora per la statale Aurelia nel pisano.

Nella notte ha nevicato anche su buona parte dell’altopiano della Sila, con temperature che sono scese di 3-4 gradi sotto lo zero. La Coldiretti segnala difficoltà nelle consegne di latte e verdura a causa della straordinaria caduta della neve e del ghiaccio sulle strade. Se la temperatura dovesse permanere a lungo di molti gradi sotto zero – spiega Coldiretti – sarebbe in grado di provocare una moria di alberi, come accadde nel 1985-86 con gli olivi toscani, umbri e abruzzesi, ma anche per i kiwi e per i vigneti del centro-nord.

Il perdurare delle attuali condizioni climatiche potrebbe rendere estremamente complessa la gestione del grande esodo previsto nei prossimi giorni.

Giuliana Ricci

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!