John Frusciante lascia i Red Hot Chili Peppers

Lo fa sapere direttamente il chitarrista dal suo MySpace il 17 di dicembre con un annuncio che non lascia dubbi:

Amo tutto quello che ho fatto con i Red Hot Chili Peppers, ma negli ultimi 12 anni sono molto cambiato, sia come persona che come artista, al punto che continuare a suonare le stesse cose con la band andrebbe contro la mia natura. Non ho avuto scelta, nel prendere la decisione: semplicemente, devo seguire ciò che sono, e devo fare quel che devo fare.

2169352562_d21886a44eJohn Frusciante aveva già lasciato la band nel 1992, dopo esserci entrato nel 1988 per rimpiazzare il defunto Hillel Slovak, primo chitarrista della band. L’addio arrivò immediatamente dopo il travolgente successo del masterpiece Blood Sugar Sex Magik, principalmente per i problemi legati alla tossicodipendenza del giovane chitarrista. Il ritorno dell’enfant prodige arriva nel 1999, giusto in tempo per la pubblicazione di Californication. Il sodalizio rinnovato dura fino all’ultimo disco e tour, Stadium Arcadium, del 2006.

Questa volta la separazione è ‘consensuale’, niente asprezze o litigi tra i componenti del gruppo, i quali dovrebbero trovare in Josh Klinghoffer, talentuoso polistrumentista, già seconda chitarra nel corso dell’ultimo tour, il sostituto di Frusciante. John con i Red Hot Chili Peppers ha pubblicato 5 dischi in studio: dischi Mother’s Milk, Blood Sugar Sex Magik, Californication, By The Way e Stadium Arcadium e altri live.

Luca Rinaldi