Home Sport Lutto nel calcio: è morto Giuseppe Chiappella

Lutto nel calcio: è morto Giuseppe Chiappella

Giuseppe_Chiappella

E’ scomparso all’età di 85 anni, a Milano, Giuseppe Chiappella. Ex giocatore della Fiorentina (campione d’Italia nella stagione 1955/56) e della nazionale, ma anche allenatore di Napoli, Cagliari, Inter e della stessa Viola. Nato a San Donato Milanese il 28 settembre del 1924, Chiappella era malato da tempo. E’ stata la Fiorentina, tramite le condoglianze espresse sul suo sito ufficiale, a dare la notizia della sua scomparsa. Approdato al calcio che conta all’età di 22 anni, a causa della guerra che gli tolse i primi anni della sua carriera. Beppe Chiappella, giocava a metà strada tra il reparto difensivo e quello di centrocampo, in un ruolo che spaziava da quello di mediano a quello di stopper. Dopo due stagioni passate in serie B nel Pisa negli anni 1946 e 47. Nel 1949, approdò alla Fiorentina, dove rimase sino alla fine della sua carriera giocando più di trecento partite con la maglia gigliata. Il debutto avvenne l’11 settembre 1949, in uno Juventus- Fiorentina terminato 5 a 2 per i bianconeri e nella stagione 1955/56 conquisto il primo storico scudetto della Fiorentina. Inoltre, nel 1957 la squadra viola arrivò fino alla finale di Coppa dei Campioni, ma Chiappella non poté scendere in campo contro il Real Madrid (che sconfisse la Fiorentina per 2- 0) per un malanno fisico accusato in nazionale. In azzurro, collezionò 17 presenze tra cui la storica partecipazione nella partita vinta dalla nostra nazionale per 2 a 1 contro la Germania Ovest campione del mondo. Nel 1960 abbandono la carriera di giocatore e cominciò quella da allenatore. Guidando: Fiorentina (due coppe Italia e la Coppa delle Coppe del 1961), Napoli, Cagliari, Inter, ancora Fiorentina, Verona, Pisa, Pescara e Arezzo. Dove chiuse la sua carriera nel 1985. Tanta la commozione da parte di tutto il clan viola, rappresentata dalle parole dell’ex compagno e indimenticato bomber dell\’anno dello scudetto Giuseppe Virgili: Se ne è andata una delle bandiere della Fiorentina. Beppe era un bravissimo difensore ma prima di tutto un grande uomo.

Paolo Piccinini