Punto da una medusa il custode dell’isola di Hamilton

Rischia la vita a causa della puntura di una medusa Ben Southall, vincitore nel maggio scorso del concorso “il lavoro migliore del mondo” ed ora custode dell’isola di Hamilton nell’arcipelago del Queensland. Il giovane, ex guida turistica africana e appassionato di maratone e alpinismo, come riporta nel suo blog (unico obbligo contrattuale del suo lavoro) è stato punto da una medusa Irukandji, una specie molto velenosa ma così piccola da sfuggire alle reti di protezione poste attorno alle spiagge dell’isola: “Ho sentito una specie di puntura d’ape sul braccio e subito dopo ho avvertito un formicolio crescente al braccio”. Trasportato tempestivamente da un medico Ben, ha poi accusato febbre, mal di testa e un senso si oppressione al torace. Il ragazzo ha avuto bisogno di parecchie ore per smaltire il veleno della medusa: “Pensavo che gli ultimi giorni sull’isola sarebbero stati rilassanti”, ha detto l’inglese, il cui contratto scade il 31 dicembre. “E invece, dopo essere scampato a canguri, squali, ragni e serpenti, eccomi sconfitto da una minuscola creatura».  La medusa Irukandji nonostante le sue piccolissime dimensioni può causare l’arresto cardiaco e la morte. Nel 2002, sempre in Australia, un inglese e un americano, sono morti dopo un contatto con questo animale tanto microscopico quanto pericoloso.

Paolo Piccinini