Mousavi usa Twitter contro il regime iraniano

Dopo l’imponente manifestazione pro-governativa di Lunedì 29 , conseguenza diretta della contestazione sul risultato elettorale del 12 Giugno scorso, le notizie, in Iran, si rincorrono pressochè incontrollate.

Il capo della Polizia iraniana ha fatto sapere che la forza pubblica non tollererà oltre le manifestazioni illegali organizzate e dirette dall’opposizione di Mousavi e Karroubi. Ahmadinejiad e Kahmenei sembrano intenzionati alla politica della repressione di questi eventi che considerano un disturbo al normale svolgersi della vita normale in Iran, organizzate tra l’altro, a loro dire, dai “nemici americani”.

Ieri si era anche diffusa la notizia della fuga dei due leader dell’opposizione, notizia che è stata però prontamente smentita dall’agenzia Fars, filo-governativa, la stessa che aveva diffuso la notizia della fuga. Nella smentita si legge anche che la notizia della fuga sarebbe stata inizialmente diffusa proprio da fonti vicine all’opposizione.

Mousavi anzi passa all’attacco e per farlo utilizza un mezzo piuttosto insolito per un politico, Twitter. “In caso di arresto di qualsiasi leader del movimento Verde, scendete in strada a Teheran, da Enghelab ad Azadi ditelo a tutti” è la frase che viene dall’utente “Mousavi 1388” l’account personale del leader dell’opposizione iraniana. E’, quello dell’oppositore al regime iraniano, un vero e proprio appello ad invadere le piazze più importanti della capitale, ad occupare il suolo pubblico, per far capire agli oppressori e al mondo intero che l’Iran e il suo popolo non cederanno alle condizioni di Ahmadinejiad e Kahmenei.

C’è da sperare che questa lotta politica non si trasformi in un bagno di sangue; già alcuni morti ci sono stati in questi giorni, a causa dei metodi non propriamente gentili della polizia iraniana impossibile stabilire il numero dei feriti e degli arrestati negli scontri di questi ultimi giorni

Angelo Sanna.