Home Cultura

2010: trionfo di arte in Italia al sapor di Caravaggio

CONDIVIDI

Già dallo scorso autunno Caravaggio ci intrattiene alla Galleria Borghese di Roma con una mostra, la prima ad inaugurare un iter, che dal centro Italia toccherà molte città. Mai come ora i curiosi dell’ arte, gli amanti del Caravaggio potranno avere il  loro palato soddisfatto: il IV centenario della morte di Michelangelo arriva e non senza trionfo. La rassegna di punta dal 18 febbraio alle Scuderie del Quirinale: 30  saranno le opere ospitate di Michelangelo Merisi, la maggior parte, quelle più accreditate, frutto di prestiti effettuati in tutto il mondo. Dal Bacco degli Uffizi alle due versioni della Cena di Emmaus, dai Musici al Suonatore di liuto alla Deposizione dei Musei Vaticani.
Dopo Roma, omaggio ai fiorentini. Uffizi e Palatina di Palazzo Pitti allestiranno “Caravaggio e i Caravaggeschi a Firenze”. Se lo stile del Michelangelo si vorrà confrontare la visione di altri artisti del seicento, dal 23 ottobre a Castel Sismondo di Rimini, si potrà ammirare la mostra prodotta da Marco Goldin, in cui troveremo pure i capolavori del calibro di Wadsworth Atheneum di Hartford. Già dal 24 gennaio a Forlì il VII secolo dell’ arte sarà presente. Il tema romantico dei fiori e della natura verrà riproposto e visionato dai diversi punti di vista nei secoli, Caravaggio, Cagnacci, Gentileschi, Dolci, Rembrandt… fino ad arrivare a Van Gogh. Bisognerà aspettare il 30 marzo, invece, per “La natura secondo de Chirico”: al centenario della Metafisica Palazzo delle Esposizioni verrà presentata questa mostra a Roma a cura da Achille Bonito Oliva: un’ ottima occasione per un nuovo slancio critico ed ermeneutico piuttosto che come una tradizionale retrospettiva.

Oltre a dipinti e tele, sempre a Roma si potrà fare un passo  indietro e godersi  la statuaria greco- romana con la mostra “L’età della conquista”, ai Musei Capitolini. Se l’ antico non far per voi, in Lombardia a Marzo negli spazi di Palazzo Reale, arriveranno i capolavori di Goya e il mondo moderno, in cui 180 opere, tra dipinti, incisioni e disegni: verrà ricostruita la relazione tra il grande maestro spagnolo e i pittori in grado di segnare il percorso dell’arte degli ultimi due secoli da Delacroix a Klee, da Kokoschka a Mirò, da Picasso a Bacon, da Pollock a de Kooning.

Se Hopper ha portato alla città milanese 1600 visitatori al giorno, Roma quest’anno non vuole essere da meno.Il 16 febbraio arriva alla Fondazione Roma la prima antologica italiana dedicata a Edward Hopper: la rassegna sara’ arricchita da altri capolavori del pittore americano provenienti dagli Usa.

Un’ Italia ricca di spunti quest’anno per l’arte, entrare in un mondo in cui il tempo si ferma affascinerà i visitatori, e potrà far pensare loro al passato o al futuro… oppure sarà solo una buona occasione per riflettere con altri occhi sull’ inevitabile attualità.

Ilaria Salzano

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore