Alsazia: un padre sgozza le tre figlie e poi si dà fuoco

Le autorità di Haguenau hanno definito questa triste vicenda una “tragedia della separazione” avvenuta in Alsazia, sud ovest della Francia.

Le vittime coinvolte nella carneficina sono quattro: tre bambine fra i 5 e i 13 anni e, con tutta probabilità, il padre delle piccole che, dopo averle sgozzate, ha dato fuoco all’abitazione perdendo anch’esso la vita. Si attende la verifica del DNA al fine di accertare senza alcun dubbio che il corpo carbonizzato corrisponda a quello del padre killer.

La madre delle vittime è già stata interrogata ma, al momento, è «in stato di shock». Nonostante ciò gli inquirenti hanno reso noto di essere riusciti a ricostruire la vicenda e il movente: il padre, Cyril Mesbah, marocchino d’origine, lo scorso agosto era stato condannato a 15 mesi di carcere di cui 3 senza condizionale per violenze sulla moglie. Dopo aver scontato la pena l’uomo è stato diffidato dall’avvicinarsi alla consorte, la quale ha abbondato il tetto coniugale con le bambine il 31 dicembre. Nonostante tutto Cyril Mesbah aveva ottenuto il diritto di vedere le figlie.

Le bimbe – Sabrina, 5 anni, Narjiss, 11 anni, e Nivine, 13 – avevano passato il Capodanno dai nonni paterni, a 500 metri dalla casa del padre. «Le tre bambine sono state uccise con un coltello, avevano segni all’altezza del collo» ha detto la procura. Una tragedia annunciata?

Valeria Panzeri