Tra vampiri e noir: i libri più venduti del 2009

Andrea Camilleri

Inizio 2010: tempo di bilanci anche per l’editoria. Si è calcolato quali siano stati i titoli più venduti dell’anno appena trascorso. A quanto pare l’hanno fatta da padrone le piccole e medie case editrici, con 7 titoli tra i 10 più venduti: Stieg Larsson e Stephenie Meyer i favoriti.
I due, presenti nella classifica dei primi 10 libri più venduti con 3 titoli a testa, rappresentano i due filoni narrativi che hanno lanciato una vera e propria moda: i noir per gli adulti e i vampiri pentiti e innamorati per gli adolescenti.
Il primo, Stieg Larsson, giornalista e scrittore svedese, nel periodo che va da marzo 2008 ed aprile 2009, secondo la rivista francese Livres Hedbo, è stato l’autore più letto in tutta Europa grazie alla trilogia Millennium, (“Uomini che odiano le donne”, ”La ragazza che giocava con il fuoco”, e “La regina dei castelli di carta”) pubblicata dopo la sua scomparsa, nel 2004. La Meyer invece, ha raggiunto il successo proprio con la saga di Twilight, che l’ha portata ad un successo internazionale.
In mezzo alla classifica l’inossidabile commissario Salvo Montalbano di Camilleri edito da Sellerio, in assoluto il più venduto tra tutti i libri italiani, “Il simbolo perduto” di Brown per Mondadori, superbesteller di fama internazionale, “Io sono dio” di Giorgio Faletti sul terrorismo, edito da Baldini Castoldi Dalai e a sorpresa Patrick Dennis con le sue vicende rosa newyorkesi di “Zia mame” per Adelphi.
Secondo i dati sviluppati per La Repubblica da Eurisko, queste sono infatti le classifiche per il 2009:
I 10 PIU’ VENDUTI IN ASSOLUTO:
1) LARSSON, La regina dei castelli di carta (Mursia).
2) LARSSON, Uomini che odiano le donne (Mursia).
3) LARSSON, La ragazza che giocava con il fuoco (Mursia).
4) BROWN, Il simbolo perduto (Mondadori).
5) CAMILLERI, La danza del gabbiano (Sellerio).
6) MEYER, Eclipse (Fazi).
7) FALETTI, Io sono dio (Baldini Castoldi Dalai).
8 ) MEYER, New Moon (Fazi).
9) MEYER, Breaking down (Fazi).
10)DENNIS, Zia mame (Adelphi).
NARRATIVA ITALIANA
1) Camilleri, La danza del gabbiano (Sellerio).
2) Faletti, Io sono dio (Baldini Castoldi Dalai).
3) Giordano, La solitudine dei numeri primi (Mondadori)
4) Mazzantini, Venuto al mondo (Mondadori)
5) De Luca, Il giorno prima della felicità (Feltrinelli).
NARRATIVA STRANIERA
1) Larsson, La regina dei castelli di carta (Mursia).
2) Larsson, Uomini che odiano le donne (Mursia).
3) Larsson, La ragazza che giocava con il fuoco (Mursia).
4) Brown, Il simbolo perduto (Mondadori).
5) Meyer, Eclipse (Fazi).
SAGGISTICA
1) Bemnedetto XVI, Caritas in veritate /Libreria Ed, Vaticana)
2) Muzzi, Vaticano spa (Chiarelettere).
3) Saviano, La bellezza e l’inferno (Mondadori).
4) Calabresi, La fortuna non esiste (Mondadori).
5) Augias-Mancuso, Disputa su Dio e dintorni (Mondadori)

Martina Guastella