A Parigi impazza il new burlesque: tornano di moda le pin-up

In principio furono la Londra vittoriana e la Parigi della Belle epoque a godere della visione di queste vamp, oggi il burlesque torna alla ribalta e così  donne coperte da piume di struzzo, corpetti e giarrettiere, sono pronte a sedurre con un’esasperante femminilità da mostrare nei cabaret e nei boudoir.

Il trend impazza nei più famosi locali parigini, dove vengono organizzati veri e propri spettacoli che rendono omaggio alle pin-up di un tempo. Basti pensare a Dita von Teese, ex moglie del cantante Marilyn Manson, che ha appena concluso una stagione d’oro al Crazy Horse e al Casinò di Parigi, conosciutissima proprio per essere una professionista del neo burlesque.

Le ragazze imparano a spogliarsi, ma guai a chiamarle spogliarelliste. Sono effeuilleuses, maestre nello “sfogliare” gli indumenti che indossano e che fanno cadere sul palco con grazia ed eleganza. Sono donne minute o alte, formose o no.

Il new burlesque rovescia i canoni di bellezza stereotipati mettendo in atto una rivoluzione delle forme e dell’essere donna.

Sono tante oggi, anche in Italia, le scuole che offrono corsi per aspiranti femmes fatales.  A Roma è nata l’Accademia del Burlesque (Micca Club) per diventare vere professioniste della danza burlesque:  si insegna come vestirsi, truccarsi e spogliarsi.  Insomma, come diventare una diva giocando con la sensualità, trasformandola in una “burla” appunto,  ma senza mai cadere nella volgarità.

Claudia Fiume