Capodanno: festeggiano 3 giorni di fila a causa della neve

width=300Gli Italiani, perseguitati dal maltempo sia prima che dopo Natale non faranno sicuramente fatica ad applaudire simbolicamente i protagonisti di questa particolare  iniziativa forzata.

Nella regione delle Cumbria, regione inglese ai confini con la Scozia e il mare d\’Irlanda, 32 persone hanno potuto, o forse sarebbe meglio dire dovuto, festeggiare un capodanno da record: Scelto il pub più alto della Gran Bretagna (il  Tan Hill Inn) per accogliere come si deve il 2010, l\’avventuroso gruppetto non ha fatto i conti col maltempo. Il locale  si trova su una collina a circa 600 metri d\’altezza , quindi non facilmente accessibile in caso di avverse condizioni climatiche. Il caso ha voluto che  l\’intera regione sia stata  perseguitata  da una vera e propria bufera  in corrispondenza dell\’ultimo giorno dell\’anno. Le conseguenze avrebbero potuto essere tragiche in quanto alcuni metri di neve avevano completamente isolato le persone nel locale dal resto del mondo, al punto da non permetter loro nemmeno di aprire la porta. Ma, rimasti bloccati,gli ostaggi hanno pensato bene di far passare il tempo  cercando in tutti i modi di dare fondo alle scorte alcoliche del pub e probabilmente se non fosse arrivato dopo ben 3 giorni uno spazzaneve  a tirarli fuori dalla loro piacevolissima prigione, ci sarebbero anche riusciti.

La piccola comitiva ha saputo organizzarsi benissimo, addirittura meglio dei protagonisti dei vari grande fratello.Tutti hanno partecipato a cucinare e pulire e ad inventare giochi per passare il tempo , proprio come succede nella più famosa delle case mediatiche, con l\’unica differenza che non c\’era nessuna telecamera a spiarli.

Ci sorge una domanda: Ma saranno stati proprio tutti contenti quando è arrivato lo spazzaneve a salvarli o a qualcuno avrebbe voluto davvero esaurire totalmente le scorte di birra presenti nel magazzino del locale?Auguriamoci che nessuno di loro abbia dovuto guidare sulla via del ritorno!

A.S.