Home Spettacolo Gossip

Warren Beatty da record: da Jane Fonda a Madonna, quasi 13mila donne

CONDIVIDI

Warren Beatty da record, questa volta non per il numero dei suoi ruoli ma per quello delle sue amanti: secondo una biografia non autorizzata e immediatamente disconosciuta dall’attore, dal titolo ‘Come Warren Beatty ha sedotto l’America’ (‘How Warren Beatty Seduced America’, l’attore, oggi 72enne, avrebbe avuto nel suo letto circa la 13.000 donne, nella sua lunga carriera di playboy.
La notizia pubblicata dal ‘New York Post’ è stata rilanciata con grande evidenza da diversi quotidiani inglesi (dal ‘Telegraph’ al ‘Mirror’) e ha provocato la reazione di Beatty che tramite il suo avvocato intende confutare le tesi proposte dall’autore Peter Biskind.

Secondo l’autore il calcolo sarebbe “aritmetica pura”, dalla perdita della verginità di Beatty a vent’anni fino al suo matrimonio con Annette Bening, nel marzo del 1992, e non includerebbe “sveltine, baci rubati, incontri al buio, ecc”. Beatty, avrebbe sedotto secondo Biskind migliaia di donne. Ma in una dichiarazione rilasciata all’Huffington Post, l’avvocato di Beatty, Bertram Fields, nega che il libro – che secondo il ‘New York Post’ è stato autorizzato – abbia avuto nei fatti alcun via libera dall’attore. “Il noioso e seccante libro di Biskind su Beatty non è stato autorizzato dall’attore e non dovrebbe essere pubblicizzato come una biografia autorizzata”, ha detto l’avvocato.

L’attore, famoso per aver interpretato Dick Tracy e aver vinto il premio Oscar nel 1978 per la regia di “Reds”, avrebbe interrotto la sua carriera di tombeur de femmes soltanto nel 1992, anno in cui ha incontrato sul set di Bugsy e poi sposato la collega Annette Bening. Tra le innumerevoli amanti di Beatty si annoverano non soltanto accanite fan e donne appartenenti al mondo “normale”, ma anche e soprattutto dive del calibro di Julie Christie, Joan Collins, Natalie Wood, Diane Keaton, Jane Fonda e Janice Dickinson e Madonna.

Proprio Jane Fonda, l’accattivante diva di Barbarella confessa nel libro, di aver pensato all’inizio che Beatty fosse gay ma poi racconta come in uno dei loro primi incontri “ci baciammo fino quasi a mangiarci a vicenda“. A proposito di Joan Collins, Biskind scrive che l’attrice non riusciva a reggere il ritmo dell’insaziabile attore. Alla domanda se lei e Beatty facessero veramente sesso sette volte ogni giorno, la Collins ha risposto: “Probabilmente lui lo faceva, ma io rimanevo soltanto sdraiata”. Tutta quest’attività fisica si è indiscutibilmente arrestata per incanto nel 1992,  quando Annette Bening ha inchiodato Beatty all’altare, perché una cosa và detta in favore dell’inarrestabile Warren, playboy sì ma non cornificatore. Almeno a quanto sostiene uno degli uomini più sexy di Hollywood.

Eleonora Teti