Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Firenze: mutui agevolati alle coppie giovani

Firenze: mutui agevolati alle coppie giovani

(FIRENZE) –  Il Comune di Firenze ha indetto un bando la cui delibera è stata approvata nel mese di ottobre. L’obiettivo del bando era quello di creare un fondo di garanzia per aiutare nell’acquisto della casa le giovani coppie, anche non sposate ma che hanno una convivenza stabile, senza distinzione di sesso. Il bando verrà pubblicato la settimana prossima.

L’assessore alla casa Claudio Fantoni spiega che il bando è  stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale sia per dare un segnale positivo in risposta alla situazione di crisi che  tutti, ma soprattutto i giovani, devono affrontare, ma soprattutto per ovviare ad una politica della residenza ancora socialmente immatura.

Le 100 giovani coppie selezionate potranno godere del Fondo di Garanzia, il quale fornisce una copertura delle rate di mutuo per un massimo di 10.000 euro e per una durata di 10 anni; la graduatoria è naturalmente basata sull’eventuale difficoltà economica in cui la coppia stessa dovesse trovarsi.

La convivenza per le coppie non sposate deve superare almeno i tre anni, l’età dei conviventi non può essere al di sopra dei 35 anni, ed ambedue devono essere residenti////

nel Comune di Firenze, o quanto meno uno dei due componenti lo deve essere stato per un periodo minimo di cinque anni. La casa per la quale richiedere l’agevolazione non deve essere stata acquistata da meno di 12 mesi o deve essere acquistata non oltre i nove mesi dalla pubblicazione del bando; inoltre non è contemplata alcuna distinzione di sesso.

L’Italia è uno dei paesi europei con la peggiore politica di residenza rivolta ai giovani,  e questa dell’amministrazione fiorentina è un’ inziativa lodevole e lungimirante. Il mattone in Italia è visto come la base della costituzione di un nucleo familiare e spesso i giovani si trovano a dover sostare oltre tempo nelle case dei genitori a causa di costi di

affitto od acquisto immobili davvero improponibili.

Paolo Brera