Cairo dalla parte dei giocatori granata: nessuna scommessa clandestina. E’ solo caccia alle streghe

TORINO – Tempi duri per la squadra del Toro. Dopo l’aggressione ai giocatori della squadra riuniti in un ristorante torinese alla fine di dicembre, per una festa a sorpresa dedicata ad un loro compagno, continua l’attacco alla squadra di Cairo.

Ed è proprio il Presidente della società torinese di calcio a prendere la parola in merito ai sospetti più volte trapelati in questi giorni su un giro di scommesse clandestine ad opera di alcuni giocatori del Toro.

‘Ho parlato con la squadra – afferma il patron granata- e i giocatori hanno escluso in modo categorico di aver fatto qualsiasi tipo di scommessa’.

Un tentativo di destabilizzazione da parte di chi vuole colpire la squadra e la Società quindi, che potrebbe degenerare in episodi di vera caccia alle streghe. Questo il pensiero del patron granata che tra l’altro esclude, in merito alla vicenda, un provvedimento federale ed un’eventuale apertura di un fascicolo d’inchiesta. Fascicolo che, prosegue Cairo: ‘sarebbe un atto dovuto, dopo quanto hanno scritto i giornali’.

Attendiamo gli sviluppi che, certamente, non tarderanno ad arrivare.

Paola Ganci