El Dorado, scoperti in Brasile i resti di una civiltà avvolta nel mito

El Dorado (el indio Dorado) è stata fino ad ora una civiltà vissuta solo all’interno delle leggende popolari,leggende però che si sono diffuse in tutto il mondo. In queste leggende si racconta che un popolo “fuori dal mondo conosciuto” sarebbe esistito in passato e avrebbe vissuto in pace e armonia con sè stesso e con la natura, grazie anche all’infinita disponibilità di oro e preziosi che permetteva loro di appagare ogni desiderio materiale. Il sedicesimo secolo  del precedente millennio fu caratterizzato da molte spedizioni  volte a ritrovare i resti di questa civiltà misteriosa e soprattutto i suoi tesori. Molte di queste spedizioni finirono tragicamente con la morte degli avventurosi pionieri per disgrazia naturali, o uccisi dagli indios locali che,spesso, vedevano invaso il loro territorio senza ragione apparente.

 La tecnologia attuale,attraverso i satelliti permette ormai quasi di “scannerizzare fotograficamente” l’intero pianeta; proprio in questo modo, in Brasile, sono stati individuati i resti di una civilità fino ad ora sconosciuta, di epoca pre-colombiana .Vicino al confine con la Bolivia infatti sono state identificate una serie di circa 200 strutture geometricamente definite ( circolare o a forma di poligono), inserite in una rte architettonica anch’essa geometricamente complessa. E non è detto che questo sia tutto quello che esista ancora di quella civiltà, ma anzi, ciò che per ora si è scoperto potrebbe essere solo una minima parte.Per ora non si hanno ancora  notizie di tesori immensi,ma la scoperta è appena stata fatta,quindi mai disperare, no?

A.S.