Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Gruppi umanitari denunciano il rischio di guerra civile in Sudan

Gruppi umanitari denunciano il rischio di guerra civile in Sudan

Dieci

organizzazioni

umanitarie

internazionali

hanno

detto

che

il

trattato

di

pace

del

2005

in

Sudan

è

in

serio

pericolo,

e

che

il

mondo

deve

intervenire

per

impedire

lo

scoppio

di

un

rinnovato

conflitto.

Le

agenzie

hanno

parlato

di

un

“cocktail

letale”

di

violenza

crescente,

povertà

cronica

e

tensioni

politiche.

Il

sud

del

Paese,

ricco

di

petrolio,

dovrebbe

tenere

un

referendum

per

l’indipendenza

nel

2011.

L’accordo

di

pace,

firmato

5

anni

fa,

ha

concluso

una

guerra

civile durata

22

anni

e

che

ha

causato

1,5

milioni

di

morti.

La

regione

rimane

una

delle

più

povere

al

mondo.

A

seguito

del

trattato,

il

nordista

National

Congress

Party

(NCP)

del

presidente

Omar

al-Bashir

e

i

ribelli

del sudista

Sudan

People’s

Liberation

Movement

(SPLM)

hanno

formato

un

governo

di

coalizione.

Ma

la

tensione

è

tornata

a

salire

tra

gli

ex-nemici

nella

corsa

al

referendum

e

alle

elezioni

politiche

di

aprile,

la

prima

votazione

su

scala

nazionale

dopo

24

anni.

Il

SPLM

ha

accusato

il

NCP

di

fomentare

la

violenza

etnica

nel

sud

per

destabilizzare

la

regione

prima

delle

elezioni.

Nell’anno

appena

trascorso

sono

morte

più

persone

per

violenze

nel

Sudan

meridionale

che

nel

Darfur.

Ivan

Rocchi