Chivu: dopo le polemiche Tosi va in ospedale dal rumeno

Il sindaco di Verona Flavio Tosi, protagonista di una dura polemica in reazione alle parole del giocatore di colore dell’Inter Mario Balotelli, che aveva accusato duramente il pubblico veronese dopo i cori razzisti di cui era stato oggetto durante Chievo-Inter dello scorso 6 gennaio, si è recato presso l’Ospedale di Borgo Trento in visita al calciatore interista Christian Chivu, vittima di un durissimo scontro di gioco nel quale ha riportato la frattura del cranio.

Il sindaco Tosi, in compagnia dell’assessore regionale alla sanità Sandro Sandri e del direttore dell’Azienda Ospedaliera di Verona Sandro Caffi, ha voluto rassicurare tutti i tifosi interisti relativamente alle condizioni di salute del difensore rumeno.

“L’ho trovato in ottime condizioni, tranquillo e sorridente” – ha detto ai giornalisti il sindaco Tosi, confermando l’ottimismo già espresso dai sanitari relativamente alla perfetta riuscita dell’operazione a cui è stato sottoposto Chivu subito dopo il ricovero dell’Epifania. Tosi ha poi rivelato un curioso siparietto “Chivu mi ha dato una bella stretta di mano e, dopo gli elogi ai medici e al personale ospedaliero, mi ha confidato ridendo un unico rammarico: è in un reparto di milanisti e juventini, che però lo trattano come meglio non si potrebbe”.

Nessun commeno ulteriore, invece, sul caso dei cori razzisti rivolti a Mario Balotelli, mentre la società interista ha fatto sapere che farà ricorso contro la multa di 7000 euro comminata dalla Disciplinare nei confronti del suo attaccante.

Sante Di Biase