Dakar moto: settima tappa a Despres

Il francese Cyril Despres (KTM) ha vinto la settima tappa nella categoria moto del Rally Dakar 2010, la più lunga e sfiancante dell\’intera competizione. Despres ha percorso in 6h34\’14 i 600 km che intercorrono tra le città di Iquique e Antofagasta, precedendo di soli 29 secondi lo spagnolo Marc Coma (KTM), che resta a un\’ora di distacco in classifica generale: dunque Despres riesce a mantenere il suo primato. Terza piazza per l\’altro francese, Fretigne, a 5\’00.

Classifica generale moto: 1-Despres (KTM) 2- Coma (KTM)  3- Rodrigues (YAM)  4- Ullevalseter (KTM) 5- Lopez Contardo (Aprilia)

AUTO– Vittoria per il pilota del Qatar Al Attiyah (VW), che termina davanti a Peterhansel (BMW) e a Sainz (VW), che tiene la testa della classifica generale. L\’americano Miller chiude in quarta posizione.

Classifica generale auto: 1- Sainz (VW)  2- Al Attiyah (VW)  3- Miller  4- Chicherit (BMW)  5- Peterhansel (BMW)

QUAD–  E\’ di nuovo dominio dei fratelli Patronelli (entrambi su Yamaha). I due argentini si sono piazzati primo e secondo, ma stavolta a vincere è stato Alejandro. Secondo il più giovane, Marcos, a una distanza di  3\’30. Dietro di loro Sonik (YAM) a 30\’13.

Classifica generale quad: 1- M. Patronelli (YAM)  2- A. Patronelli (YAM)  2- Gonzales Corominas (YAM)  4- Halpern (YAM)  5- Sonik (YAM)

TRUCK– Ancora Chagin. Potrebbe sembrare noioso, ma non lo è, visto il personaggio. Il russo non fa che dare splendida prova del suo talento, della sua tenacia e della sua straordinaria abilità. Secondo posto per il connazionale Kabirov, che rimane nella stessa posizione anche in classifica generale, a più di 1 h di distacco. Terzo Macik (KM).

Classifica generale truck: 1- Chagin (KAM)  2- Kabirov (KAM) 3- Van Vliet (GINAF) 4- Macik (LIAZ)  5- Elfrink (MERC)

width=300
Un'immagine

Intanto, Luca Manca resta ricoverato in gravi condizioni all\’ospedale di Santiago, dove è stato portato ieri. Ha riportato una lesione encefalica e durante la notte è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Respira artificialmente ed è tenuto sotto sedativi. I medici sperano di prevenire un  edema cerebrale.

Elaine Tralli