Casini: le primarie? Non esistono nel mio vocabolario

width=300Le primarie sono legittime ma non fanno parte del mio vocabolario. Come non ne fanno parte i gazebo.  E\’ un giudizio netto quello che Pierferdinado Casini, nel salotto televisivo di Rai3, a Che tempo che fa, consegna al suo interlocutore. Si tratta – ha continuato il leader dell\’Udc sulle primarie – di una deriva plebiscitaria che amplifica i problemi politici anziché risolverli.

Trachant anche il commento sui recenti incidenti di Rosarno: I fatti calabresi- ha affermato Casini nello studio di Fabio Fazio –  ci fanno vedere che lì lo Stato non c\’è, è morto. E\’ la \’ndrangheta che regola i rapporti sociali ed è qui che nasce il problema. Non possiamo non farci carico della indignazione della gente, ma neppure dimenticarci del fatto – ha continuato il leader centrista – che tanti italiani sfruttavano questi poveracci.

 Se un italiano – ha proseguito Casini – affitta la casa a cinquanta di questi poveracci, è giusto che l\’appartamento venga sequestrato. La legge c\’è ed è sacrosanta. Non possiamo guardare la realtà solo per la parte che ci fa comodo. Sulla politica dell\’immigrazione – ha precisato – ci dev\’essere meno polemica politica.

E sulle fresche alleanze siglate dal suo partito in vista delle prossime elezioni regionali, il leader dell\’Udc ha chiarito: Ritengo titolo di merito non allearmi con nessuno. Io faccio i patti con i presidenti, non con la coalizione.

 Ci accusano di fare una politica trasformista – ha aggiunto –  una politica dei due forni; di fare scelte di potere. Non è questo quello che stiamo facendo perché noi semplicemente scegliamo le proposte che ci paiono migliori. Io stesso – ha continuato Casini – potevo fare il ministro ma ho scelto di stare all\’opposizione, rifiutando la proposta di Berlusconi di entrare nel Pdl.

Categorico anche sul bipolarismo che, secondo Casini: ha consegnato alla Lega e a Di Pietro le chiavi della politica nazionale. Se e\’ una cosa che piace agli italiani – ha concluso – se lo tengano; a me il bipolarismo non piace e faccio di tutto per contrastarlo.

Maria Saporito