Dakar- Ancora attesa per Manca

width=300
Il

Bisognerà aspettare ulteriori 48 ore per sapere se il nostro Luca Manca è sulla via del miglioramento. Secondo i medici, dopo le ultime 48 ore passate senza intoppi, sarà necessario attenderne altrettante per capire l\’evoluzione del trauma cerebrale. Luca è sempre collegato alle apparecchiature, ma sta reagendo bene alle cure, anche se al momento è presto per escludere eventuali lesioni permanenti. Tuttavia, sembrerebbe aleggiare un cauto ottimismo. Intanto, all\’ospedale di Santiago è giunto il padre dello sfortunato centauro, Filippo Manca, accompagnato dal cognato.

Il grave incidente di Luca Manca  è stato commentato dalla presidente cilena Michelle Bachelet, oggi in visita ad Antofagasta dove i partecipanti alla gara si sono potuti godere una giornata di riposo nell\’attesa della tappa di domani.  La Bachelet ha ricordato come nel corso della tappa precedente a quella dell\’incidente, Manca avesse compiuto un gesto che sottolinea lo spirito sportivo di questa gara: aveva aiutato il suo compagno di squadra Marc Coma, che si trovava in difficoltà, dandogli una ruota. Voglio trasmettere a Manca, e ai suoi familiari, tutta la nostra forza, ha concluso la presidente cilena.

Gli altri piloti italiani partecipanti alla competizione sono molto scossi per quanto capitato a Manca: Fabrizio Mugnaioli e Silvia Giannetti, che sono passati davanti al luogo dell\’incidente proprio mentre i medici stavano intubando il pilota sardo, si dicono molto preoccupati. Anche le condizioni fisiche dei nostri corridori non sono tra le migliori: Beltrami si è fratturato un piede, Pini una mano; la Giannetti ammette di sentirsi stanchissima e di aver molto sofferto la disidratazione, tanto da dover ricorrere ai medici che le hanno somministrato ben due flebo. Altra causa di problemi è costituita dai repentini cambiamenti climatici. Insomma, come tutti sappiamo la Dakar è una gara massacrante, durissima. La Giannetti è certamente un orgoglio del nostro Paese, per il coraggio e la resistenza fisica che sta dimostrando. Complimenti.

Elaine Tralli