Dire basta alle modelle anoressiche: curve e controcurve in V magazine

width=210E\’ una rivista di moda, ed è, la più famosa degli Stati Uniti, infatti un suo recente servizio ha creato un putiferio nel mondo fashion,trendy e qualunque altro idioma inglese identifichi l\’ambiente in cui fotomodelle e cover girl lottano quotidianamente a denti stretti per conquistarsi un po sto al sole.

Il servizio in questione, ben 12 pagine, presenta una sfilza di ragazze bellissime,perchè non c\’è dubbio che lo siano, dai canoni però un po diversi da quelli della classica e ormai sempre uguale a sè stessa top model.

Ecco i nomi delle modelle overszize,che in realtà sono delle taglie  assolutamente normali:  Candice Huffine, Marquita Pring, Michelle Olson, Tara Lynn e Kasia P. .Ci vuole un certo coraggio a fare un servizio del genere nel mondo attuale, soprattutto se gli autori dello stesso servizio provengono e appartengono a un ambiente che è sempre alla ricerca della perfezione, anche nei vestiti indossare, ma soprattutto fisica.

Le polemiche sulle top model anoressiche, talmente magre da mostrare oltre il loro vitino anche tutte le ossa che gli stanno sopra e sotto ( le costole ad esempio) durano ormai da anni, e periodicamente sono rinverdite dal fatto che qualcuna di loro si sente male, o peggio muore. Tristissimo il caso della famiglia Ramos, uruguayana; due modelle, Luisel ed Eliana , persero la vita entrambe per un\’emorragia celebrale, nel primo caso dovuta sicuramente ad una dieta troppo ferrea, nel secondo probabilmente per lo stesso motivo.

Il proposito di V magazine sembra quello appunto di stroncare questo sistema mostrando ragazze nude, o quasi in pose decisamente provocanti, a far capire al pubblico, ai responsabili delle passerelle , ma soprattutto alle giovani modelle, che questo mondo ancora lo conoscono poco,che non c\’è bisogno di portare il fisico all\’estremo sforzo possibile per sfilare o fare dei servizi fotografici di altissimo livello. Non c\’è bisogno quindi di rischiare terribili malattie quali l\’anoressia per essere ed essere considerate delle splendide ragazze.

A.S.