Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Lazio:il Pd più vicino alla Bonino?

Lazio:il Pd più vicino alla Bonino?

width=300Le notizie si inseguono a velocità accellerata da quando Emma Bonino ha ufficializzato la sua intenzione di candidarsi (per il momento per la lista dei Radicali) alla presidenza della Regione Lazio. Una decisione che ha sorpreso un pò tutti e mandato in tilt il quartier generale del Pd alle prese con una benedizione che potrebbe creare non pochi malumori all\’interno del partito.

L\’ipotesi delle primarie, salutata come l\’unica, naturale conseguenza della consultazione popolare che il 25 ottobre ha incoronato Pierluigi Bersani nuovo segretario nazionale, sembra farsi sempre più remota, anche per volere della stessa Bonino che non individua i margini di tempo necessari per una buona organizzazione. Resta dunque tutto l\’imbarazzo di un partito – sul quale pende la spada di Damocle del tempo – che deve decidere tra il sostegno alla leader radicale nel faccia a faccia tutto femminile contro Renata Polverini e la proposta di un nome, interno alle file del partito, di grande impatto elettorale.

Le cronache più aggiornate riferiscono di un Pd sempre più vicino alla Bonino.Il Pd regionale – ha detto Alessandro Mazzoli, segretario regionale dei democratici – apprezza la candidatura di Emma Bonino alla presidenza della Regione Lazio e a breve la incontrerà per discutere le modalità di un\’eventuale intesa sul suo nome. 

Spiragli che arrivano subito dopo le esternazioni positive di un padre nobile del partito (e convinto cattolico) come Franco Marini che ieri ha benedetto, senza riserve, la candidatura della leader radicale: La  Bonino – ha detto Marini – ha tutte le caratteristiche di preparazione e impegno, come donna di governo e a livello europeo per essere uno straordinario presidente della Regione Lazio.

La matassa delle regionali laziali nella compagine del centrosinistra non può comunque considerarsi prossima alla risoluzione, se è vero (come è vero) che la gran parte dei democratici della regione invoca a gran voce le primarie considerate l\’unico strumento che possa eventualmente legittimare la scelta della candidata Bonino. A incrementare il clima di indefinitezza generale ci pensa anche il leader dell\’Idv, Antonio Di Pietro che chiede chiarezza al Pd: Abbiamo preso atto che si candida Emma Bonino – ha detto l\’ex pm – ma non abbiamo capito se la sua candidatura si propone come espressione della Lista Bonino-Pannella o dell\’intera coalizione.

Intanto, sul fronte avverso, la sindacalista Renata Polverini, forte (anche) del fresco appoggio dell\’Udc di Cesa, inaugura oggi la sua campagna elettorale. Sarà a Rieti con due sponsor d\’eccezione: Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto. Tempi diversi per coalizioni lontane.

Maria Saporito