Viterbo: c’è il nome del presunto stupratore, trema la Roma bene

Ha finalmente un nome l’autore del presunto stupro perpetrato ai danni di una ragazza di ventiquattro anni la notte di capodanno nel castello di Roccalbecce, non lontano da Viterbo, di cui Newnotizie aveva già dato notizia. Un giovane, figlio di un professionista della Roma bene, si è spontaneamente presentato preso la procura di Viterbo per rendere la propria testimonianza circa l’accaduto. Diverse fonti riferiscono che il ragazzo era accompagnato da due legali.

La dichiarazione del giovane non combacia però con la ricostruzione della vittima. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa AGI, il ragazzo avrebbe dichiarato di essersi semplicemente “strusciato” contro la ragazza stordita dall’alcol, senza quindi aver avuto un rapporto sessuale.

Fabio Zampaglione, che dirige la Squadra Mobile di Viterbo, ha dichiarato: “adesso come adesso chiusa la prima fase degli accertamenti preliminari urgenti, noi dobbiamo mettere la parola fine sotto la vicenda: si tratta di un reato perseguibile su querela e finora la vittima non ha ancora presentato formale denuncia“.

La ragazza ha sei mesi per presentare denuncia e far proseguire le indagini.

Valeria Panzeri