I New Trolls di nuovo insieme per un tour nel 2010

Dopo 27 anni Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Gianni Belleno e Giorgio D’Adamo si riuniscono e ricompongono la band originaria dei “New Trolls”, band che ha scritto pagine importanti musica italiana.

Il primo concerto sarà proprio nella loro Genova il 30 Gennaio.

I “New Trolls” rappresentano indiscutibilmente uno dei più noti gruppi musicali più importanti della scena del rock progressivo italiano anni settanta. Fra le loro opere si trovano alcune delle pietre miliari del genere, come il famoso “Concerto grosso”.

Il gruppo torna con la formazione originaria che nel 1967 diede inizio al primo progressive rock italiano e che poi, cambiando più volte line-up, ha attraversato diverse stagioni della storia della musica italiana.

Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Gianni Belleno e Giorgio D’Adamo, accompagnati da Andrea Maddalone, Ricky Bolognesi e Francesco Bellia, suoneranno, quindi, dal vivo in una serie di concerti live realizzati nei principali e più prestigiosi teatri italiani.

Il debutto, come detto, è previsto per il 30 gennaio proprio nella città natale dei musicisti, Genova, al Teatro Carlo Felice .

Nel corso del tour, che terminerà in autunno con la significativa interpretazione in anteprima mondiale del nuovissimo “Concerto Grosso n. 3” (insieme al Premio Oscar Luis Bacalov) verranno ospitati alche anche altri artisti di grande livello, mentre la regia e la cura delle luci sarà affidata a Pepi Morgia, da sempre prezioso collaboratore della band genovese.

I “New Trolls”, che agli esordi aprirono anche i concerti italiani dei “Rolling Stones” , possono contare su un “nocciolo duro” di fans (il Fan Club italiano conta oltre 12000 iscritti) che c’è da scommetterci, non si faranno mancare la ghiotta opportunità di rivedere la band al completo dal vivo.

I componenti del gruppo, si dichiarano entusiasti di ricalcare nuovamente il palcoscenico, ma anche la fatidica sala d’incisione: infatti in primavera uscirà infatti un doppio album che includerà il live dei loro brani storici e un secondo cd con pezzi inediti.

Federico Lusi