Home Spettacolo

Marco Mengoni verso il festival di Sanremo: gioco con l’ambiguità sessuale, “basta che compriate il mio disco”

CONDIVIDI

Marco Mengoni, l\’artista passato nel giro di pochi anni dall\’accompagnamento musicale ai matrimoni alla straordinaria vittoria a X Factor, affila le armi (e il mistero attorno alla sua figura) in vista del Festival di Sanremo.

Recentemente il ragazzo classe 1988 è stato intervistato da Diva e Donna. Un dialogo a 360 gradi, durante il qiale Marco Mengoni ha sfiorato innumerevoli argomenti: X Factor, la sua infanzia, i primi passi nel mondo della musica, le aspettative e le paure per la prossima parteciapzione al festival di sanremo e chiaramente i suoi gusti sessuali. Proprio su questo punto l\’ex pupillo di Morgan ha giocato ancora una volta sull\’ambiguità. Marco Mengoni infatti ha ammesso di avere avuto, fin ad ora, solo storie etero, ma non ha smentito le insinuazioni che circolano sul suo conto in merito ad una presunta bisessualità o omosessualità. Per il celebre cantante infatti tali insinuazioni sono un ottimo strumento per mantenere attorno allo sua immagine una nebbia di mistero che, dichiara lui stesso, è una delle molle che spinge a comprare i miei dischi. Al di la di questo atteggaimento, che potrebbe essere anche interpretato come uno strumento di marketing promozionale, quello che si è evince è più che altro una conferma.

La vita di Marco Mengoni sembra un\’opera d\’arte e proprio le ambiguità diventano la tonalità preferita di questo quadro da dipengere giorni per giorno. Mengoni infatti è diplomato all\’istituto d\’arte ma ciò che più conta è il trasferimento del genio artistico nella musica. Sarà forse solo un caso che il suo padrino a X Factor è stato quel Morgan eccentrico, quel Morgan anticonformista che sguazza in uno dei programmi espressione dellla tanto conformista società dello spettacolo? Del resto anche il giovane cantante si definisce egoista e cinico, in un panorama in cui invece a parole molti artisti si definiscono buoni e altruisti. Lo stupire diventa quindi l\’elemento centrale per comprendere ( o cercare di farlo) le canzoni dell’artista.

Enzo l.