Yuri Gagarin: forse la vera causa di morte fu un attacco di panico in volo

In Russia una commissione indipendente dal governo sostiene di aver scoperto la causa dell’incidente aereo in cui nel 1968 perse la vita’ a  soli 34 anni l’astronauta e pilota Yuri Gagarin, colui che fu il primo uomo nello spazio.
Dopo nove anni di attente indagini e valutazioni la commissione russa sostiene che la causa dell’incidente aereo che costò la vita a Gagarin e al co-pilota, fu un attacco di panico che indusse il celebre astronauta a perdere il controllo.

Per un uomo addestrato alla perfezione come il celebre astronauta il volo di routine sul caccia Mig-15 avrebbe dovuto essere la più tranquilla delle passeggiate.

Pare invece che  Gagarin, vedendo una presa d’aria scollegata in cabina, abbia avuto una forte reazione di panico che l’avrebbe indotto ad agire quasi inconsciamente ed in modo illogico. Il celebre astronauta avrebbe abbassato troppo velocemente la quota con una picchiata eccessiva. Il risultato di tale manovra è tristemente conosciuto: il caccia si schiantò al suolo portandosi via la vita del primo uomo andato nello spazio e del suo co-pilota.

Resta soltanto un interrogativo: com’è possibile che un uomo addestrato secondo parametri severissimi, una persona che ha superato eccellentemente tutti i test fisici e psicologici a cui vengono sottoposti i candidati di qualunque missione spaziale, abbia perso il controllo in una circostanza del genere?

Forse l’unica risposta plausibile sta nel fatto che Yuri Gagarin, per quanto fosse eccelsamente addestrato , era comunque un uomo e, come tale, esposto alla paura.

Valeria Panzeri