11 gennaio 1963: esce il singolo “Please please me”, che farà conoscere i Beatles in tutta l’Inghilterra

width=300
La

Ci sono storie di persone che diventano leggende che non muoiono mai, e sembrano esistere da sempre, quasi fossero un patrimonio comune dell\’umanità. Così, in campo musicale, per i Beatles.

Ma un\’origine, certamente, ce l\’hanno, e quello che può essere considerato, a livello discografico, il vero inizio della band di Liverpool è l\’uscita del singolo “Please please me”. Uscita, datata 11 gennaio 1963, che anticipa di un mese l\’incisione dell\’album omonimo, la cui apparizione sul mercato inglese è del 22 marzo dello stesso anno, e che arriverà in cima alla classifica. Restandoci per la bellezza di ventinove settimane consecutive.

“Please please me” non fu il primo singolo tratto dall\’album – nell\’ottobre 1962 era già uscito “Love me do”, che ottenne un successo discreto, arrivando a piazzarsi al diciassettesimo posto in classifica – ma fu il primo di una lunga, lunghissima serie di numeri uno. Come del resto aveva profetizzato quello straordinario produttore che risponde al nome di George Martin, “il quinto Beatle”, che, al termine della sessione di registrazione nel settembre \’62 – sessione che era stata ripetuta, per suo volere, a distanza di un paio di settimane dalla prima, e con modifiche che portarono alla nascita di quello che Paul McCartney chiama il “ritmo veloce alla Beatles” – annunciò appunto dall\’interfono: «Congratulazioni, avete appena finito di incidere il vostro Numero Uno!».

Poi venne la beatlesmania, poi la fama in tutta Europa e oltre oceano, poi i record di vendite e – caso unico nella storia – i primi cinque posti della classifica americana occupati da cinque loro canzoni (era il marzo 1964), poi i film, le tournée, cambiamenti (maturazioni) umane e artistiche, poi anche i dissidi, i periodi divisi, infine lo scioglimento e, per John Lennon e George Harrison, la morte. Ma non la fine della leggenda.