Calcio-Ciro Ferrara litiga con Gigi Maifredi

Dopo la sconfitta a domicilio per 3-0 contro il Milan, Ciro Ferrara, in diretta con Alberto Brandi su Rete 4,  litiga con Luigi Maifredi, ospite in studio a Cologno Monzese. Quando il conduttore di Controcampo gli fa la fatidica domanda sul suo futuro e sulla fiducia da parte della società bianconera, il tecnico napoletano risponde con una battuta: “Il mio compito è quello di invertire la rotta dei risultati, ma se cercate un nuovo allenatore avete lì Maifredi, pronto a sostituirmi”. Attimi di silenzio ed imbarazzo in studio. Dopo qualche secondo Brandi ribadisce: “Ti hanno dato fastidio alcune dichiarazioni passate da parte di Maifredi?”. E Ferrara attacca: “Le sue dichiarazioni sono state stupide. C’è troppa stupidità tra gli ex colleghi. Che squadra allena Maifredi oggi?”. A quel punto l’ex allenatore bianconero, uno dei peggiori nella centenaria storia della Signora, tenta di difendersi, ma si sente chiaramente Ferrara dire, nei microfoni di Monica Vanali, attonita, “stai zitto”, mentre Brandi tenta di riportare la pace durante il collegamento. E allora Maifredi, dopo aver risposto “stai zitto tu, fenomeno! Dovresti dimostrare un pizzico di maturità”, tenta di difendersi dicendo di essere stato frainteso. Qualche tempo fa aveva dichiarato “Con me questa Juve avrebbe vinto lo scudetto”. Ma secondo lui la frase reale è stata un’altra: “Volevo solamente dire che questa squadra, con gli uomini diqualità che ha in rosa, potrebbe vincere lo scudetto”. La querelle si chiude con Ciro Ferrara che dichiara: “non ho tempo per rispondere a Maifredi” e saluta lo studio. Prima del diverbio, s’è anche parlato di calcio. “Un voto alla Juve? Siamo usciti sconfitti e quindi non raggiungiamo la sufficienza. Nessuno la raggiunge questa sera”, ha detto il tecnico bianconero. “Per quanto riguarda il malumore dei tifosi li capisco – ha continuato -: la delusione per il momento negativo è comprensibile. Bisogna saper accettare la situazione. Quando c’è amore è normale rimanere delusi”. E l’involuzione da mercoledì a Parma ad oggi? “Mercoledì abbiamo fatto una prova di carattere, ma questa sera dopo il primo gol la squadra ha accusato tantissimo. Non stavamo lasciando grosse occasioni al Milan. Poi è arrivata la disattenzione, il primo gol di Nesta e la partita è cambiata. Non abbiamo avuto la forza di reagire”. Il tecnico continua ad essere in discussione. Cosa hanno detto Blanc e Secco dopo questo k.o.? “Non temo nessuna decisione, qualsiasi essa sarà. La società deve essere tranquilla e deve fare le sue valutazioni. Il mio compito è quello di invertire la rotta dei risultati”. Il presidente, nonchè direttore generale Jean Claude Blanc, insieme al direttore sportivo Alessio Secco, a fine partita, sono entrati negli spogliatoi per un colloquio con la squadra. “Non ci sono alibi o scuse per questo momento. Siamo in difficoltà e siamo intimoriti. Le cose non ci riescono e la palla scotta: la manovra ne risente”. L’ultima domanda è sul mercato: “Ci stiamo muovendo. Abbiamo dato via qualche giocatore e arriverà qualcuno per darci una mano ad uscire da questa situazione”.

Andrea Bonino