Calcio estero: Premier “decimata” dai rinvii, in Spagna volano Barça e Real

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40

Il protagonista indiscusso e quasi unico della 21ma giornata di Premier League, in programma tra sabato 9 e domenica 10, è stato il freddo. Le temperature rigidissime che in questi giorni attanagliano l’Inghilterra hanno costretto la locale federazione calcistica a non far giocare ben 7 incontri sui 9 previsti: non è sceso in campo ad Hull il Chelsea di Carlo Ancelotti, capolista del campionato; rinviato anche il big-match di Anfield tra Liverpool e Tottenham, mentre resta al momento in bilico anche la disputa del posticipo del lunedì, che questa sera alle 21 dovrebbe (rinvio permettendo) vedere impegnato il Manchester City di Roberto Mancini contro il Blackburn.

A non aver approfittato del forzato stop dei Blues sono stati il Manchester United e l’Arsenal, dirette rivali del Chelsea nella corsa al titolo. Negli unici due match disputati, le compagini allenate rispettivamente da Ferguson e Wenger sono infatti andate incontro a due pareggi che rischiano di rallentare la loro marcia verso la vetta della classifica. In trasferta a Birmingham contro il City di McLeish – una delle squadre più in forma dell’intera Premier – lo United non va oltre l’1-1: dopo il vantaggio del Birmingham, arrivato in chiusura di primo tempo e firmato dal giovane attaccante Jerome, nella ripresa Rooney e compagni trovano il pari solo grazie ad una autorete di Dann, chiudendo con qualche affanno dopo l’espulsione per doppia ammonizione di Fletcher.

Ancor più sudato è il punto strappato dall’Arsenal, che tra le mura amiche dell’Emirates Stadium agguanta il 2-2 finale contro un ottimo Everton solamente nei minuti di recupero. La beffa per gli ospiti è arrivata infatti al 92′, quando un tiro del ceco Tomas Rosicky deviato da un difensore batte il portiere Howard e consegna a Wenger e i suoi un pareggio forse non del tutto meritato. L’Everton, due volte in vantaggio, è stato infatti raggiunto anche in occasione del momentaneo 1-1 da una conclusione di Denilson sporcata dalla difesa; i due gol degli uomini allenati da David Moyes portano la firma di Osman e Pienaar. Grazie a questi risultati, Red Devils e Gunners salgono rispettivamente a quota 44 e 42 punti in classifica, con il Chelsea fermo in vetta a 45.

La neve fa la voce grossa anche in Spagna, e ne è caduta tanta sullo stadio Santiago Bernabeu di Madrid, non impedendo però ai padroni di casa del Real di superare senza troppi patemi e col punteggio finale di 2-0 il Maiorca. Gara tutta in discesa per le merengues di mister Pellegrini, in vantaggio dopo soli 7 minuti grazie ad un gran sinistro a giro di Gonzalo Higuain. I galacticos di Kakà e Ronaldo controllano con apparente scioltezza le redini del match, chiudendo i conti in avvio di ripresa con il 2-0 realizzato da Granero. Nulla da fare per un pur sufficiente Maiorca, una delle rivelazioni di questa Liga 2009/2010, che nonostante la battuta d’arresto rimane – in classifica – in piena zona Europa League.

Poche ore dopo, il Barcellona campione in carica risponde agli acerrimi rivali madrileni travolgendo i malcapitati avversari del Tenerife, superati in trasferta sotto un inequivocabile 0-5. C’è voluta però più di mezz’ora ai ragazzi di Guardiola per contenere le sfuriate degli isolani, in grado di impensierire più volte la difesa campione d’Europa e del mondo con pericolose sortite offensive; ma il Barça è squadra che non perdona, al 36′ passa in vantaggio con Leo Messi e la partita cambia totalmente volto. I blaugrana dilagano già prima dell’intervallo grazie a Puyol e ancora al neo Pallone d’oro, chiudendo i giochi nella ripresa grazie alla tripletta di un ormai scatenato Messi e ad un autogol di Luna. Il pokerissimo calato a Tenerife consente così ai catalani di mantenere la testa della classifica dopo 17 giornate di campionato: 43 i punti del Barcellona, 41 quelli del Real, mentre il resto della Liga guarda le due contendenti da molto lontano. La corsa al titolo e il conseguente grande spettacolo che questi due team stellari offriranno da qui a fine stagione sono in piena attività.

Daniele Ciprari

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!