Juventus, parla Secco: “Ferrara? Nessun commento”

width=285
Alessio

Si sta svolgendo a Roma, all\’Hilton Airport di Fiumicino, il tradizionale appuntamento di metà campionato che vede protagonisti capitani, allenatori e arbitri di Serie A. Non è però presente Ciro Ferrara, che dopo la pesante sconfitta casalinga di ieri sera contro il Milan ha preferito evitare l\’incontro. In rappresentanza della Juventus ci sono invece il vice di Ferrara, Maddaloni, oltre al centrocampista Marchisio e al direttore sportivo Secco.

I giornalisti, com\’era ovvio prevedere, hanno cercato di raggiungere qualche interlocutore bianconero; l\’unico che si è presentato ai microfoni è stato proprio Alessio Secco: Ferrara? Nessun commento – si è limitato a dire il ds bianconero -. Questo è il momento dei fatti, non delle parole.

E\’ intervenuto sul delicato momento della Juve anche il ct della nazionale, Marcello Lippi: E\’ evidente che la Juve, in questo periodo, vive un momento di insicurezza a livello psicologico. I giocatori commettono errori legati a questa situazione. Bisogna però anche ammettere che i bianconeri hanno avuto diversi infortuni nel corso della stagione. Come uscirne? Questo dovete chiederlo ai diretti interessati, Ferrara, Bettega e la dirigenza. Spetta a loro trovare una soluzione.

Anche Cobolli Gigli, intervenuto ai microfoni di Grt, ha voluto chiarire il suo punto di vista sulla crisi bianconera. L\’ex presidente bianconero si è schierato dalla parte di Ferrara: I dirigenti dovranno prendere con calma le loro decisioni, ma dal mio punto di vista Ferrara è in grado di far ripartire la squadra. Il primo ad essere critico con se stesso per questa situazione è proprio lui.

Cobolli si è anche soffermato sulla gara di ieri sera contro il Milan: Nelle prime fasi dell\’incontro la squadra era ben schierata in campo, poi quell\’errore difensivo su calcio d\’angolo ha cambiato le sorti del match. Da tifoso sono ovviamente molto dispiaciuto, ora è necessario che dirigenti e tecnici prendano in mano le cose con determinazione.

Pier Francesco Caracciolo