Le piccole Martinica e Guyana non vogliono staccarsi da mamma Francia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01
Foto Reuters

La domanda del referendum per cambiare lo statuto di Martinica e Guyana francese non era complicata, veniva sostanzialmente chiesto ai residenti delle due colonie francesi sudamericane se volessero maggiore indipendenza. E la risposta è no.

“Approvate la trasformazione della Martinica in una collettività d’oltremare dotata di un’organizzazione particolare tenendo conto dei suoi propri interessi nell’ambito della Repubblica?”, questo il testo del referendum per l’isola caraibica, al quale la maggior parte dei votanti ha espresso un voto negativo.

E pensare che il referendum è stato concesso da Nicolas Sarkozy proprio in seguito ad una richiesta da parte della maggioranza degli elettori delle colonie francesi, quasi tutti di sinistra e di estrema sinistra.

Altre colonie, in passato, hanno chiesto e ottenuto maggiore indipendenza, come la Nuova Caledonia e la Polinesia Francese, che ora hanno un proprio governo.

Martinica e Guyana Francese, invece, non vogliono tagliare troppo i legami con il governo centrale di Parigi, che garantisce una certa entrata di fondi e finziamenti che verrebbero probabilmente diminuiti qual’ora le colonie avessero un loro governo.

Ora il governo preparerà un nuovo referendum, dove proporrà un cambiamento più graduale e se nemmeno questa opzione dovesse piacere ai residenti, le cose rimarranno invariate.

Sebastiano Destri

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!