Bimbo romeno segregato: oggi arrestato il padre

L’ha strappato dalle braccia della madre appena nato e per anni lo ha custodito gelosamente in casa. Il padre, un romeno trenatacinquenne, ha portato in Italia il figlio, rinchiudendolo in casa sua a Sonnino (Latina) per sei lunghi anni.
Addestrato a suon di cinghiate,  il bambino è cresciuto senza familiari, senza amici. La mamma, anch’essa romena, ha potuto vedere suo figlio solo sotto compenso, una cifra che va dalle ottocento ai mille euro. Una vita impensabile, distrutta, un incubo che il 28 Aprile scorso sembrava finire: il bimbo-carcerato, libero, ha potuto rivedere la luce del giorno. Il crudele papà, ex-convivente della donna, oggi, è stato arrestato. Una lunga prigione, ora, spetterà a lui, senza remore.

Ilaria Salzano