Home Spettacolo Gossip Tokio Hotel in copertina su ‘GQ’

Tokio Hotel in copertina su ‘GQ’

Ricordate la pop rock band, composta dai quattro giovani Bill Kaulitz (voce), Tom Kaulitz (chitarra), Georg Listing (basso) e Gustav Schäfer (batteria) e chiamata Tokio Hotel? La rivista ‘GQ’ ha deciso di dedicare ai gemelli Kaulitz la copertina del prossimo numero di febbraio 2010 in edizione tedesca, inserendo una foto nella quale i due fratelli compaiono nella loro interezza, sfoggiando un bel primopiano da vere e proprie star.

Il gruppo tedesco, compostosi nel 2001 a Magdeburgo, rappresenta una delle più note e giovani realtà musicali presenti in Germania e il loro straordinario successo inizia appena quattro anni fa, circa nell’agosto del 2005, perdiodo nel quale decidono di pubblicare il primo vero e proprio singolo di debutto, intitolato ‘Durch den Monsun‘, che da principio è stato diffuso esclusivamente in Germania, Repubblica Ceca, Austria e Polonia. In pochissimo tempo, dopo essere riusciti a scalare tutte le classifiche d’ascolto, arrivando in soli sette giorni al primo posto, i quattro decidono di proporre l’uscita di ‘Schrei‘, l’album completo che gli conferisce un vero e proprio posto da vip nell’ampio contentesto del panorama musicale.

Da questo preciso momento in poi i Tokio Hotel iniziano a realizzare una serie di tormentoni, che fanno letteralmente impazzire gli ormai numerosissimi fans e, oltra alla divulgazione di singoli e compilations, cominciano a pensare in grande, producendo personalmente una serie di DVD – documentari, comprendenti le riprese del backstage e varie esibizioni, tipo quella live di Oberhausen.

Intanto proseguono le incisioni e il volto dei quattro giovanissimi tedeschi compare sulle pagine di giornali e riviste, mostrandoli sempre attraverso una sorta d’immagine misteriosa, che ormai sa attirare moltissimo il favore delle fans di tutto il mondo. Questo grande successo deriva, oltre che da uno stile, per così dire, alternativo e travolgente, anche da quella specie di reputazione da ‘cattivi ragazzi’, che nel 2009 li ha visti partecipi di varie risse e denunce. Reputazione che, tuttavia, piace moltissimo a un pubblico, per lo più adolescenziale, ma anche e soprattutto alla grande rivista ‘GQ’.

Alice Sommacal

Comments are closed.