Google in Cina: la sua attività presto potrebbe finire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12

Nella questione è rimasto coinvolto anche il segretario di stato americano Hillary Clinton, che ha espresso grave preoccupazione per un fenomeno molto difficile da arginare, probabilmente impossibile allo stato attuale delle cose: Google ci ha informato delle sue accuse , che sollevano domande e gravi preoccupazioni. Noi attendiamo una spiegazione dal governo cinese“. La capacità di poter operare con fiducia nello spazio virtuale è fondamentale in una società e un’economia moderne”

In breve, il motore di ricerca più utilizzato del pianeta  sarebbe ( è ) stato vittima di attacchi da parte di hackers cinesi, attacchi volti perlopiù a  violare le caselle di posta, a scopo di rintracciarli, dei difensori dei diritti umani in Cina. Anche alcune grandi società sembrano coinvolte in questa vicenda.

In Cina il problema dei diritti umani così come noi li conosciamo è enorme e non meglio va per gli animali, di cui nessuno mai si occupa, ai danni dei quali vengono perpetrate crudeltà legalizzate, per puri fini di lucro,che non sono nemmeno raccontabili a causa del fatto che più di qualcuno potrebbe impressionarsi alla sola idea.Se per tante persone non possono essere paragonati umani e animali, il problema dei diritti violati sugli esseri viventi rimane,perlomeno rispetto a ciò che noi occidentali intendiamo con l’espressione “diritti umani”.

Google ha fatto sapere con un comunicato ufficiale che non intede più filtrare i suoi risultati; Non ci saranno più quindi “blocchi” di  siti sgraditi alle autorità cinesi. Questo ovviamente potrebbe causare l’interruzione totale dell’attività della compagnia d Mountain View nel paese più popolato del pianeta, ma anche questa prospettiva non è risucita a far desistere il “web engine” più frequentato dalla sua pesante decisione.

A.S.