Governo battuto sull’occupazione al Sud

E’ stata una mozione del Pd, relativa alle iniziative da avviare per favorire lo sviluppo e l’occupazione nel Mezzogiorno, a sparigliare le carte. Oggi alla Camera l’ Assemblea di Montecitorio ha infatti approvato, con 269 voti a favore e 257 contrari, la parte della mozione su cui l’esecutivo aveva espresso parere contrario. Risultato: il governo è stato battuto con grande soddisfazione di tutta l’opposizione.

E’ la trentacinquesima volta, in questa legislatura, che il governo Berlusconi va giù  alla Camera e la nona che viene penalizzato e sconfitto proprio su questioni che riguardano il Sud. “E’ merce rara mettere sotto il governo – ha commentato Dario Franceshini, presidente dei deputati del Pd – e non volevo far mancare il mio contributo, ma è da capire come questo sia possibile, con una margine in più di 80 /90 parlamentari, andare sotto alla Camera. D’altra parte – ha continuato Franceschini –  il ricorso continuo alla fiducia serve proprio a questo: usare un meccanismo coercitivo oppure – ha spiegato l’ex segretario dei democratici – la maggioranza fa acqua“.

A determinare il “fallimento” in Aula dell’ governo anche il voto “contro tendenza” dell’ Mpa e l’ assenza di un numero importante di deputati del Pdl. “Quella di oggi – ha dichiarato il segretario d’ Aula dei democratici, Erminio Quartani – è una doppia bocciatura per l’ esecutivo perché non solo è la dimostrazione che la maggioranza è sempre più debole, ma anche perché è la netta bocciatura dell’azione del governo nel Mezzogiorno e del continuo scippo dei Fas (Fondi per le aree sottoutilizzate, ndr) al Sud da parte del ministro Tremonti”.

” Adesso – ha continuato Quartani – il governo dovrà reintegrare rapidamente le risorse impegnate del fondo per destinarle a un programma mirato al rilancio del tessuto produttivo e – ha concluso – dei livelli occupazionali del Mezzogiorno”.

Maria Saporito