‘Ndrangheta: 27 arresti a Reggio Calabria

Duro colpo alla malavita reggina: questa mattina i carabinieri del comando provinciale hanno emesso 27 ordini di custodia cautelare ai danni di noti ‘ndranghetisti locali appartenenti alle cosche Zavettieri e Pangallo-Maesano-Favasuli.

Contro di loro accuse pesantissime: associazione per delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, estorsione e traffico illegale di armi e stupefacenti.

L’operazione, denominata “Nuovo potere” , ha portato allo smantellamento delle cellule criminali operanti nei territori di Roccaforte del Greco e Roghudi.

Le indagini partirono nell’aprile del 2004 quando Teodoro Spanò, affiliato alla cosca Pangallo-Maesano-Favasuli, rischiò di morire per mano della banda avversaria. Tra le due cosche si era precedentemente consumata una guerra feroce, conclusasi nel 1998, che aveva causato la morte di 50 persone.

Il gip di Reggio Calabria ha disposto 25 arresti in carcere e 2 ai domiciliari. Tutti i dettagli dell’operazione verranno comunque diffusi questa mattina alle 11 nel corso della conferenza stampa cui parteciperanno il Procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone,e il Procuratore aggiunto della Dda, Nicola Gratteri.

Maria Saporito